Austria · Diari di viaggio

Arte moderna e passeggiate in solitaria

È l’ultimo giorno. Passeggio da sola per Vienna, la mia amica lavora oggi. Pranziamo insieme con un immenso wrap rigorosamente bio. Voglio andare al Mumok, al MuseumsQuartier: c’è una mostra d’arte moderna che deve essere interessante. Ma apre alle 14, il lunedì. Fino all’ora di pranzo seguo i suoi consigli: torno nella Innere Stadt e cerco qualche regalo da portare a casa.

Lungo Mariahilfer Strasse ci sono negozi di ogni genere, da Zara a Butlers. Decido di passare di nuovo dalla Wiener Secessionsgebäude e dalla Staatsoper, poi vado a vedere il Palazzo dell’Albertina e il famoso Sacher Hotel.

DSC_0618

Wiener Secessionsgebäude

La Kärntner Strasse porta a Stephansplatz. È pedonale e circondata da palazzi bianchi e color sabbia: mi sembra di tornare al tempo in cui Sissi viveva all’Hofburg. La Kaisergruft, dove si trovano le tombe degli Asburgo, è in ristrutturazione e non si può visitare.

Giro per i vicoli intorno alla piazza del Duomo, passo dalla Mozart Haus e faccio una sosta alla boutique dei Manner, i famosi wafer viennesi. Mi godo la piazza principale sedendomi su una panchina sotto il sole rovente. Vedo l’Ankeruhr, progettato da un collaboratore dei fratelli Klimt secondo i dettami dello Jugendstil.

DSC_0657

Ankeruhr

La Ruprechtskirche, romanica e sobria, è la più vecchia della città. Scendo le scale e nelle vie che seguo per tornare verso il Graben ci sono solo io, quasi! Su Herrengasse c’è un negozio di dolciumi con vetrine bellissime e un paio di posti dove acquistare regalini davvero carini.

Prima di entrare al Mumok mi rilasso sulle panche azzurre. Al museo c’è la mostra Painting 2.0: Expression in the information age, dove sono esposti dipinti da Andy Wahrol a Monika Baer. Mi rilasso per un paio d’ore, al fresco e nella quiete del museo.

Torno al sole, passeggio per Neubaugasse e Lindengasse. È ora di tornare verso casa: devo fare la valigia, prendere la metropolitana e il treno, se non voglio perdere l’aereo. Mi mancano già la mia amica e l’atmosfera della grande città!

Continuo a sognare di vivere in una metropoli. La gamma di possibilità a disposizione è ciò che mi manca nel paesello. Usare i mezzi pubblici, la bicicletta, muovermi a piedi. Per quanto mi piaccia guidare, potrei anche fare a meno dell’automobile in un posto così. E ogni volta che ne visito una, il desiderio diventa più forte!

DSC_0677

Dato che i consigli gastronomici non guastano mai, ecco qualche idea.

A Spittelberg ci sono una serie di ristoranti di cucina austriaca molto graziosi, per una serata, un pranzo o un brunch rilassante.

Se si cerca qualcosa di più alternativo (e più viennese, ormai), vegan burgers davvero squisiti si trovano da “Swing Kitchen”:

  • Oberngasse 24, di fianco all’università TU, in Karlsplatz;
  • Operngasse 24.
  • www.swingkitchen.com

Per il gelato cercate “Eis Greissler”. Se c’è la fila, non preoccupatevi. Mettetevi in coda e ne varrà la pena!

  • Rotenturmstrasse 14, vicino a Schwedenplatz;
  • Mariahilfer Strasse 33.
  • www.eis-greissler.at

Il Film Festival c’è ogni anno, da metà luglio ad inizio settembre. Se vi trovate a Vienna in questo periodo venite qui per cena: l’atmosfera è giovane e vitale e la scelta è molto ampia. Se volete, potete mangiare cibi assolutamente diversi stando seduti allo stesso tavolo!
www.filmfestival-rathausplatz.at

Se vi piacciono i würstel, ci sono chioschi che li vendono in ogni angolo e quasi a ciascuna fermata della metropolitana e del tram.

DSC_0637

Per acquistare i Manner, i Mozartkugeln e qualsiasi altro genere di dolci non fermatevi nella Innere Stadt: lungo Mariahilfer Strasse ci sono molti negozi che li vendono e i prezzi sono decisamente inferiori!

Austria · Diari di viaggio

Emozioni: Wien, day 2

È domenica. I negozi sono chiusi, la città è tranquilla e più vuota del solito. Passeggiamo per Spittelberg con il sole alto nel cielo, fotografiamo i giardini dei ristoranti e le porte, le vetrine dei negozi con i cartelli che intimano “No Photos” proprio sotto i nostri occhi.

DSC_0173

Spittelberg

Il MuseumsQuartier è perfetto per un brunch (o una colazione domenicale – tanto qui si prolunga anche fino alle 15 l’orario del breakfast). D’inverno il cortile centrale è vuoto, visto il clima gelido. Ma d’estate è letteralmente gremito di tavolini e bar, panche colorate per sdraiarsi a prendere il sole tra la visita di un museo e un altro.

DSC_0222

MuseumsQuartier

L’Hofburg è poco lontano, basta attraversare Maria-Theresien-Platz. Prima di camminare per i vicoli affollati della Innere Stadt, però, voglio saperne di più su Friedensreich Hundertwasser. Il museo e l’edificio progettato dall’architetto eclettico a me sconosciuto (fino a questo momento) si trovano nei dintorni di Löwengasse, poco lontano dal Canale del Danubio. Andiamo in tram.

La Hundertwasserhaus è stupenda, anche se ancora non conosco il pensiero che sta dietro le sue forme. È colorata e morbida, tutta curve, sembra in grado di cullare chi la osserva e vi cammina accanto. Ed è subito amore per questo architetto e i suoi lavori. Andiamo alla KunstHausWien, poco lontano, e il sentimento diventa ancor più profondo: la sua filosofia ecologista, la concezione dello spazio e della natura sono sorprendenti! Un artista puro, che non pretende di spiegare i propri dipinti, anzi, vuole “solo” trasmettere emozioni.

DSC_0272

Hundertwasserhaus

DSC_0295

KunstHausWien

Dopo un’insalata, basta attraversare il canale del Danubio per raggiungere il Prater. L’immensa macchia verde è dotata di un grande parco divertimenti, che quest’anno compie 250 anni ed è stato il primo ad essere aperto nel mondo.

Lo attraversiamo fino al nuovo campus universitario della WU, dove gli edifici sono tutti particolari: uno arancione e senza angoli, che un po’ mi ricorda Hundertwasser; la biblioteca sospesa sopra le nostre teste, che sembra la prua di una nave, grigia, inclinata e con immense vetrate.

DSC_0348

Prater

DSC_0393

Campus WU

Con la metropolitana torniamo a Schwedenplatz, quella che nell’intento dei suoi progettisti doveva essere la nuova porta d’ingresso alla città. Ci incamminiamo sulla passeggiata che costeggia il Danubio per raggiungere a piedi il Fernwärme, l’inceneritore di rifiuti che Hundertwasser ha riqualificato nel 1971, vicino alla fermata della metropolitana di Spittelau.

DSC_0420

Fernwärme

Da Schwedenplatz percorriamo più di due chilometri lungo il fiume. Sono perfetti per un’oretta di jogging, nonostante le persone in passeggiata siano molte nel weekend. I graffiti, il fiume e lo sferragliare della metropolitana che passa proprio di fianco al sentiero lo rendono diverso dai soliti lungofiume. Ci sono le zone dove fermarsi a fare esercizio e le panchine per riposarsi.

Dopo centinaia di foto all’inceneritore, davvero spettacolare, ricco di colori e positività, torniamo di nuovo a Schwedenplatz, per il gelato e la Innere Stadt. E devo dire che il gelato bio di Eis Greissler è uno dei più buoni che abbia mai mangiato! Oltre al fatto che il gusto “semi di papavero” non l’avevo mai scovato da nessuna parte…

Si capisce subito che stiamo entrando nel centro storico della capitale. I negozi – anche qui chiusi, per lo più – e il numero di persone è altissimo, la piazza del duomo è piena di vita! Passiamo da Stephansdom e percorriamo il Graben, la via pedonale con i negozi di lusso. Torniamo alla Syria e al presente per qualche momento, davanti a un tentativo ben riuscito di sensibilizzare i passanti alla condizione attuale del Paese mediorientale.

DSC_0472

“Hier ist Syrien”

Andiamo alla Judenplatz, dove c’è il monumento commemorativo dell’Olocausto, alla Kirche am Hof, a Freyungplatz e Michaelerplatz, dove l’edificio volutamente modesto progettato da Adolf Loos contrasta con la magnificenza dell’Hofburg e le carrozze parcheggiategli di fronte. Passiamo dallo storico Café Central, prima di tornare alla residenza degli Asburgo.

C’è un artista di strada che fa le bolle di sapone, con il tramonto rosa e giallo alle spalle, tra le cupole del Naturhistorisches e del Kunsthistorisches Museums.

Ceniamo in Rathausplatz e ci diamo alla pazza gioia: Spätzle al formaggio, baked potatoes con la crema di formaggio e aglio, Himbeerbowle con i lamponi – buonissimo, ma decisamente alcolico!

20160805_180547

Austria · Diari di viaggio

Wien 2.0

La prima volta sono stata a Vienna nel 2009. Per le vacanze di Natale. Cinque giorni di freddo polare, alberi illuminati, qualche mercatino, residenze degli Asburgo e superbi musei.

Questa volta è stato diverso: lunghissime passeggiate, shorts e abbronzatura. Tre giorni intensi, di cibo vegano, architettura, due musei di quell’arte che vuole solo trasmettere emozioni, senza provare a spiegarle. Le università, il Danubio, Hundertwasser, i vigneti e i parchi di Schönbrunn e del Belvedere.

Come tutte le grandi città, a Vienna esiste l’alternativa. Anzi, qui forse ciò che fino a qualche anno fa era alternativo, ormai è quotidiano. In tutti i ristoranti  ci sono alternative vegan dei piatti proposti, nei negozi si vendono cibi biologici, ci sono hipster in ogni dove. E la folla di turisti (questo non tanto alternativo) si trova per lo più nella Innere Stadt, il centro storico.

 

DAY 1

Il primo luogo che torno a visitare è il palazzo di Schönbrunn, tanto grande da non riuscire a racchiuderlo con un unico sguardo. I colori delle t-shirts dei visitatori rendono la ghiaia dei viali più vivace e le aiuole fiorite mettono di buonumore, nonostante il caldo soffocante. La gloriette domina il parco e dalla sua altezza si dominano Vienna e la residenza principale.

DSC_0033

Schloss Schönbrunn

Andiamo al Naschmarkt, perfetto per scattare foto di frutta e verdura esposte con grazia, ma un po’ costoso per fare la spesa. Vi si trova di tutto, dalla manioca ai pomodori ai fiori secchi per condire l’insalata. I ristoranti sono affollati e vivaci, il caos è così simile a quello dei bazar di Istanbul e Marrakech da essere rilassante.

DSC_0051

Narschmarkt

A pranzo mangio il mio primo vegan burger da Swing, vicino all’università TU. E devo dire che il ripieno alla soia non mi dispiace! Sarà diverso, senza dubbio, ma è comunque buono!

Vegan burger

Karlsplatz è poco lontano. La Karlskirche che domina la piazza, protetta da due colonne istoriate che mi fanno sentire nel centro di Roma, è leggera, nonostante le dimensioni. A pochi passi c’è il Wiener Secessiongebäude, con la cupola d’oro che risplende sotto il sole che la colpisce. Poco più in là la Staatsoper, un mastodontico palazzo ottocentesco davanti a cui transitano tram, automobili, biciclette e autobus turistici. Sembra schiacciato tra gli edifici e scuro, quasi chiuso su se stesso, poco visibile. È possente.

Da qui prendiamo il tram per arrivare al palazzo del Belvedere, bianco, leggero, circondato dai giardini, libero. Tutta un’altra storia! È magica la vista dall’ingresso principale, dal Belvedere inferiore – due sono i palazzi che costituiscono il complesso, costruito su una collina con giardini terrazzati alla francese e adorni di cascate, fontane e statue.

DSC_0099

Schloss Belvedere

Dietro il Belvedere superiore, nel laghetto, c’è un’installazione fatta di giubbotti di salvataggio, quelli che si usano sulle barche, per richiamare l’attenzione su tutti coloro che stanno morendo, in questi anni più di prima, nel tentativo di attraversare il Mediterraneo e raggiungere l’Europa. Per contro, nella piazza antistante il Belvedere inferiore si può provare a fare surf in una piscina temporanea in cui vengono create delle onde artificiali ad hoc.

Poco lontano dal centro, a circa 15 minuti di tram, si arriva a Grinzing. Qui gli Heurigen sono lungo tutte le stradine e si può bere il vino prodotto dai vigneti circostanti senza la preoccupazione di dover guidare per tornare a casa!

DSC_0129

Heurigen, Grinzing

Con altri 15 minuti di autobus arriviamo sulla cima della collina, a Kahlenberg. Dalla terrazza si dominano le vigne, Vienna e il Danubio. Uno spettacolo che mi ero persa l’altra volta, ma che merita una visita! Ci sono anche tante passeggiate da fare, tra i vigneti o nel bosco, al fresco.

DSC_0118

Kahlenberg

Torniamo in città e andiamo a Spittelberg per la cena. Le vie acciottolate, i ristoranti con i tavolini fuori o nei giardini, le piante che si arrampicano sulle case, i negozi vintage. Bisogna andarci! E non solo con il buio…

Nella Rathausplatz c’è il film festival. Il grande schermo proietta un concerto che si è tenuto a Stoccolma. Ci sono un numero non ben definito, ma notevole, di stand gastronomici. Si può mangiare greco, giapponese, italiano, austriaco e chi più ne ha, più ne metta. Domani sera veniamo qui, per cena, no?

Italia · Liguria

Focaccia e camogliesi al Rum

Mi piace andare a Camogli. Soprattutto in primavera, nel weekend. Quando abbiamo voglia di vedere il mare o mangiare la focaccia, veniamo qui. È legata a ricordi davvero Felici, forse per questo mi piace tanto.

I vicoli acciottolati, il pesce fritto nei cartocci, il castello della Dragonara. Il lungomare abbracciato dalle case di colori pastello che salgono su per la collina e il porticciolo – amo sedermi sulla spiaggia con i sassi levigati  dall’acqua ad osservare l’orizzonte, mi rilassa.

DSC_0090

La mia focacceria preferita è “Cose Buone”, dove vendono anche i camogliesi, dolcetti un po’ per tutti i gusti. Potete comprare calamari, alici, gamberi e fritto misto take away sopra il porto, al “Semmu Friti”. Di bar e ristoranti ce ne sono tantissimi, la maggior parte davvero buoni!

Le giornate che riescono ad essere ancor più caotiche di una domenica di agosto sono quelle del secondo weekend del mese di maggio, in occasione della Sagra del Pesce. Da 65 anni ormai si cucinano in una pentola di 3,8 metri di diametro circa 30000 porzioni di pesce fritto nell’arco di una sola giornata (meglio, in meno di 6 ore!).

DSC_0467

Per i vicoli ci sono bancarelle che vendono ogni sorta di prodotti artigianali e cibo proveniente da ogni regione d’Italia. Il sabato sera i fuochi d’artificio sono spettacolari e, subito dopo, sulla spiaggia, vengono accesi due falò, uno per ogni quartiere di Camogli, il Porto e il Pineto. Quello più bello e duraturo, costruito con materiali di recupero raccolti in paese, vince la competizione. L’anno scorso c’erano uno squalo e l’Arca di Noè, quest’anno Iron Man e il deposito di Zio Paperone.

Falò

2016

Così si festeggia San Fortunato, patrono dei pescatori.

Per mangiare il pesce fritto nello storico pentolone bisogna prendere il biglietto e mettersi in coda: questione di ore e chilometri, quasi. Noi non abbiamo ancora avuto il coraggio di metterci in fila, né qui né allo stand gastronomico allestito in una piazzetta affacciata sul porto. Abbiamo comprato i cartocci di “Semmu Friti” e mangiato seduti sulle scale che portano al mare.

Il castello della Dragonara si può visitare e, ogni anno diversa, nelle settimane che precedono la sagra, viene allestita una mostra temporanea riguardante questa festività.
È del comune di Camogli che fa parte anche la splendida abbazia di San Fruttuoso, che si raggiunge a piedi o in battello da Camogli e Portofino.

Sagra del Pesce 2016

Sagra del Pesce 2016

http://www.camogliedintorni.it/

Take away “Semmu Friti”
Via Piero Schiaffino, 22
Camogli
Tel. 348 8817524

Ristorante “Sâ”
Via Piero Schiaffino, 5
Camogli
Tel. 0185 774512
saristorante@gmail.com

Mente vagabonda

Waiting for the next travel

Ascoltare i cd acquistati a Cuba ogni volta che mi metto alla guida è un ritorno al viaggio. Che, a ripensarci, sembra ancor più bello. I problemi incontrati si cancellano e tante cose che ho scritto nel diario sembrano addirittura surreali.

Il viaggio continua quotidianamente. Non solo mentre si è via: comincia nel momento in cui si decide di partire e continua quando si raccontano le proprie esperienze, si legge la cronaca in cui si parla del Paese in cui si è stati, si vedono foto e filmati. Continua fino al prossimo viaggio e si sovrappone al successivo. Continua nella testa e nel cuore, nei ricordi tangibili e non. Il potere del viaggio è incommensurabile.

Potere sulla felicità, sul relax che i pensieri danno; gli oggetti ricordano che è stato tutto vero anche se pare lontano anni luce. Le foto se ci sei stato non ricordano solo i colori, la luce e i sorrisi, ma anche gli odori e i sapori. Avete presente Marcel Proust e la sua “Ricerca del tempo perduto”? Tutto inizia con il sapore delle madeleines. Le descrizioni dei pensieri e delle emozioni nei diari sono importanti perché anche dopo anni ti riportano a momenti che apparentemente erano stati cancellati dalla memoria. Scrivere non è solo bello e rilassante, è necessario per ricordare. Tutto. Le foto sono un’arte che tutti possono apprezzare, ma le parole sono solo tue. Soggette all’interpretazione degli altri, sì, ma ancor più personali di uno scatto per me. Per quanto io ami fotografare, credo che anche senza parole le foto parlino, ma sempre meno rispetto ad una pagina di racconti priva di immagini.

Anche per questo, mentre aspetto di partire per il prossimo viaggio amo scrivere!

DSC_0305 (3)

Lago d’Orta

Listening to the CDs I’ve bought in Cuba while I’m driving takes me back to our travel. Everything seems more beautiful, forgetting about problems we had overthere. Reading my travel diary sounds weird, sometimes.

Travels continue everyday. They start before the departure and, actually, lasts forever. You can’t stop traveling because you’re back home. Your mind flies back and forward, to past travels and future ones. You talk about your travels, hear about the countries you’ve been to in the news, watch pictures and videos you’ve taken overthere. Travels last, in your mind and soul. Their power is endless!

Traveling makes me feel Happy and relaxed at home too. Things I’ve bought around the world remember me that I’ve been there, although it seems so far away in space and time. Photographs mean much more if you’re the photographer: these are not only colorful landscapes or people, but feelings, tastes, perfumes.

Do you remember Marcel Proust, “In search of lost time”? Everything starts tasting madeleines. Reading your memories takes you back, in beautiful places. Writing is relaxing. But, more important, it lets you remember everything whenever you want. Photographs are art, they can speak. But they need words to tell stories. Words, instead, don’t need pictures to do it. Every reader can imagine how the writer feels and let himself go. There’s a strong connection between the two, although words are subjected to personal interpretation.

I love taking pictures, but I love writing too. And words are more powerful, for me. That’s why I love writing while waiting for the next travel!

Mente vagabonda

Feeling lucky!

Quando penso ai  miei viaggi mi rendo davvero conto di quanto sono fortunata.
C’è chi a 22 anni ha viaggiato molto più di me, per motivi diversi, ma anche chi a 70 anni ha visto il mare della Liguria in estate e le montagne del Trentino Alto Adige in inverno.
E mi fa pensare come tanta gente che vorrebbe viaggiare non ne ha la possibilità e quanti potrebbero, invece, non hanno voglia o coraggio di partire.

quotetravel4_grande

Un assaggio di deserto, di foresta pluviale, di gelo artico e di famosi siti patrimonio dell’UNESCO l’ho avuto. A piedi o in auto ho attraversato l’Equatore, il Circolo Polare Artico e il Tropico del Cancro. Quello del Capricorno solo in aereo.

Sono stata in Sud America, negli Stati Uniti e ho pure passato una notte in Canada visto che la tormenta di neve del 2010 ha paralizzato la costa nord ovest degli U.S.A. e ci ha bloccati a Toronto. Sono stata in Africa, vivo in Europa e ho toccato l’Asia mentre attraversavo la Turchia. Non è molto forse, se si pensa a quanto è grande il nostro pianeta. Ma mi fa sentire privilegiata. Soprattutto perché questo io l’ho potuto fare per piacere, per scelta. Ho scelto di raggiungete il capo più meridionale del continente africano e quello più settentrionale dell’Europa continentale.

Capo Nord, estate 2009

Nordkapp, Svezia – 2009

Ho scelto di salire a bordo di un piccolo motoscafo (anche se non proprio consciamente…) per solcare le onde dell’Oceano Pacifico tra le isole dell’Arcipelago delle Galápagos e di prendere una canoa per navigare su un tratto di uno dei tanti affluenti del Rio delle Amazzoni nella zona di El Puyo, in Ecuador. Ho preso il treno che scende lungo la Nariz del Diablo, un bus per andare dal Perù alla Bolivia e un altro che mi portasse dal Toronto a New York sotto la neve. Le Linee di Nazca le abbiamo viste dall’alto, a bordo di un bimotore, e per le balene mi sono imbarcata una mattina ad Hermanus. Ho attraversato il confine tra Europa e Asia superando il Bosforo e ho quasi pianto lacrime di gioia dall’emozione alla vista del cartello Welcome to Asia.

Delle sette meraviglie del mondo moderno ne ho viste due e pensare di aver camminato tra le rovine di Machu Picchu come gli antichi Inca o attraversato i propilei sull’Acropoli di Atene come fecero i grandi filosofi antichi mi ha emozionata in quel momento e lo fa ancora solo al pensiero.

Machu Picchu, Perù, 2011

Machu Picchu, Perù – 2011

Quando ho visto l’Eufrate e il Tigri mi stava scoppiando il cuore dalla gioia , a ripensare alla famosa culla della civiltà, dove siamo nati e grazie alle cui acque siamo ciò  che siamo. Anche se πάντα ῥεῖ, “tutto scorre”, e non ci si bagna mai due volte nello stesso fiume ciò non vuol dire che il significato simbolico non venga conservato. E nella mia mente e nel mio cuore questo è la Mesopotamia: culla e casa di un po’ tutto il genere umano.

Fiume Tigri, Turchia, 2013

Fiume Tigri, Turchia – 2013

La Grecia è poesia, Roma diritto, New York modernità, Londra Harry Potter e Venezia e Parigi sono amore. La Costa Azzurra è Renoir e Tahiti Gauguin, Cuba Hemingway e il Mississipi Twain. Non vedo l’ora della Cina, dell’India, della Russia, della Cambogia.

E in tutta questa mia fortuna una parte importante la giocano e l’hanno sempre giocata mamma e papà. Non solo i soldi, che per quanto pochi o tanti che siano servono sempre per viaggiare come per far qualsiasi altra cosa. Ma soprattutto per la libertà e le radici che hanno saputo darmi. Libertà di decidere, di andare e tornare. Radici che, anche se starei sempre in giro, mi convincono a tornare a casa da chi amo ogni volta.

Casa la sento veramente casa per questo, che si trovasse in Italia, Svizzera, Francia o Spagna avrebbe poca importanza. Casa per me non sono Como o Uggiate, ma solo l’interno delle mie case, i mobili, i libri, i ricordi, l’atmosfera che abbraccia e rilassa.
E devo ringraziare per la passione smodata che mi ha trasmesso il mio papà. Probabilmente se non avessi visto quanto a lui piaceva andare in giro, andare nel deserto, in Africa, non avrei cominciato a organizzare viaggi e a tenere diari di viaggio all’età di 9 anni (iniziati e mai finiti, ma questa volta è il pensiero che conta…).

South Africa, part 6 361

Cape of Good Hope, South Africa – 2010

Forse la mia passione è ancora più forte e consapevole, è avventura e organizzazione, studio e amore per le altre culture da scoprire. Ma tutto, comunque, è partito da loro!

Mente vagabonda

Partire = Cambiare

La grandezza di un viaggio si nasconde dietro piccoli segni che ci liberano la mente e ci fanno vivere.

Spesso abbiamo bisogno di trovare solo un momento per noi stessi, un momento che le mura di casa o i quartieri della nostra città non possono darci. Quanti spazi di solitudine cerchiamo per fare chiarezza dentro di noi, ma il risultato è esattamente l’opposto? Si crea più confusione, più caos. La colpa non è da attribuire alla propria incapacità di cambiare, ma più verosimilmente la causa è il luogo in cui ci si trova. Attenzione però: viaggiare da soli non è sempre la soluzione migliore. Per quanto mi riguarda la serenità e la forza di resettare il timer e ripartire, la ritrovo viaggiando in compagnia, perchè in questo modo riesco a stabilire veramente gli spazi di cui ho nuovamente bisogno. Credo, infatti, che solo il confronto con un buon compagno di viaggio potrebbe permettermi di fare il salto necessario per cambiare me stesso.

Spesso ognuno di noi prova a cambiare per qualcun altro, poi ci prova per se stesso, ma ormai il passaggio tra questi due stadi è così sottile da risultare indistinguibile. Alla fine di una lunga strada si cambia davvero, ma manca sempre l’ultimo passo. A questo punto ci sono persone che devono farlo da sole questo step finale, per orgoglio o per carattere, e ci sono invece quelle che vogliono farlo con qualcun altro. Io credo di appartenere al secondo gruppo, perchè mi piace intrecciare la mia vita con quella di un’altra persona e raggiungere un obiettivo insieme mi trasmette un maggior senso di completezza.
Fondamentale rimane l’ambiente esterno. Una città completamente da scoprire è sicuramente uno stimolo al cambiamento, soprattutto se fatto con le persone giuste.

Leggere guide, prendersi il proprio tempo, studiare le cartine per trovare una nuova meta: sono tutte azioni che ti riempiono la giornata, ma contemporaneamente creano spazio nella tua mente. Ti danno respiro per procedere verso una svolta. Ti danno anche la forza necessaria per cambiare, poichè ti inserisci in un meccanismo che ti trascina con un senso di positività.

Se dovete fare un cambiamento importante, da soli o con qualcun altro, non aspettate che il tempo vi sormonti, ma prendete e viaggiate. Non importa se lontano o vicino, se per tanto o poco tempo: partite.

Mente vagabonda

Travelling is my therapy

Dopo ben un anno di blog, mostre, viaggi fatti e solo organizzati, la mia voglia di partire è sempre maggiore. Nei momenti di crisi, quando ci si sente tristi, in un certo modo, o comunque incompleti, se si è amanti del viaggio si desidera lasciare tutto e andare in capo al mondo. La destinazione non è importante. Dopotutto, è il viaggio in sé ciò che conta! Raggiungere i luoghi che si amano di più, dove ci si sente a casa. In fondo “casa” non è dove si è nati. E’ dove si percepisce di essere parte del luogo in cui ci si trova, parte integrante. Ci si sente abbracciati dall’atmosfera magica della città, della campagna, del mare. Non è necessario andarci in un periodo speciale dell’anno, come può essere Natale. Basta andarci. Si respira a pieni polmoni, finalmente.

E questo è ciò che anche io vorrei avere il coraggio di fare ora: lasciare tutto per un po’, prendermi una vera e propria vacanza “dalla mia vita”. Sono convinta che per essere FELICI si debba fare tutto ciò che ci piace, ciò che amiamo. E che se amiamo qualcosa sia assolutamente possibile raggiungerlo. Chi dice che è impossibile realizzare un sogno, per quanto pazzo sia, a mio parere non ha un vero sogno. La voglia di cambiamento è ciò che spesso ci prende. Ed è quella che spinge molti a scoprire il viaggio. Anche se capire (o meglio, ammettere) che cosa si vuole cambiare e soprattutto come lo si vuole modificare non è sempre semplice. La forza d’animo e il coraggio stanno soprattutto in questo: riconoscere un problema e prendere in mano la situazione.

Non sono le conseguenze che dovrebbero spaventarci, e questo lo dico soprattutto a me stessa. Non sono le opinioni degli altri a doverci far paura. A me terrorizzano i miei pensieri, i miei sogni anche. E il viaggio è la terapia: non mi sento italiana, non mi sento comasca, mi sento a casa a casa mia, vicino al mio caminetto, seduta sul mio divano, di fianco al mio gatto o in compagnia dei miei genitori. Per il resto mi sento una cittadina del mondo, se vogliamo dirla in maniera elegante. In modo più brutale, senza una dimora fissa in cui voler ad ogni costo ritornare. A “casa”, in fondo, sono sempre tornata per le persone a cui voglio bene. Se loro venissero con me o mi raggiungessero per salutarmi, ogni tanto, non avrei bisogno di tornare da queste parti.

Vorrei girare il mondo senza pensare, vorrei vivere il mondo da vicino, raccontarlo con le parole e le immagini. Vorrei lasciarmi accarezzare del mondo nel profondo del cuore, come hanno sempre fatto tutti i luoghi che ho visitato e in cui ho vissuto in questi anni. E’ un coinvolgimento forte quello che il viaggio ci consente di raggiungere, profondo, dolce. E’ come se non ci fossero limiti quando si decide di partire, quando si prende il coraggio a quattro mani e si va. Perché di limiti non ce ne sono, in realtà, se non quelli che imponiamo a noi stessi: volendo, tutto, ogni luogo, si può raggiungere.

Dunque, come recita una massima del Dalai Lama:

“Once a year, go some place you’ve never been before.”

Ne vale sempre la pena!