Diari di viaggio · Grecia

Oltre le montagne

Il venticello è fresco e le nuvole coprono il sole. Le spiagge sono vuote, ci sono solo ombrelloni piantati e lettini, ma niente persone. Dopo Sitia ci si lascia alle spalle la superstrada e si comincia a fare su e giù tra le montagne, ogni tanto si intravede il mare in lontananza, mentre si è circondati dal verde scuro degli arbusti. Come una porta per l’est, Sitia in questo periodo è silenziosa.

Sitia

Sitia

I ristoranti sono chiusi e si sente il rumore dell’acqua che scivola dolcemente contro il molo. Le barche si lasciano cullare dalle onde lente sullo sfondo di case bianche che si inerpicano sulla collina.

Le strade cominciano ad essere più strette e qualche volta tortuose. La spiaggia di Vái sembra nascere da un palmeto naturale, che lascia spazio alla sabbia solo negli ultimi metri e che bisogna attraversare per raggiungere il mare. Poco più a nord, Itanós è sorvegliata dalle vestigia di un’antica cittadina sopravvissuta fino all’epoca bizantina. Il mare è sempre cristallino, nonostante il cielo grigio.

Itanos

Itanós

Come una fortezza solitaria, emerge dal verde il Monastero di Toploú. Color miele, con le poderose mura di difesa, è stato un importante centro della Resistenza cretese nel corso del secondo conflitto mondiale.

Káto Zákros è uno dei quattro maggiori palazzi di epoca minoica. Con la stessa organizzazione architettonica degli altri, pare che qui si vivesse di commercio con l’Oriente più che di agricoltura. È l’unico ad affacciarsi ancora sul mare, in una baia rilassante e con tanti papaveri rossi che ne colorano i muri in rovina.

Lungo la strada che percorre la costa sud è tutto un sali e scendi, tra montagne brulle e baie assediate da case di vacanza. Ierápetra pare sia la città più meridionale dell’intero continente europeo, con il suo piccolo centro storico e la fortezza veneziana.

Ierapetra

Ierápetra

Gortina e Festo sono poco lontani l’uno dall’altro, ma non potrebbero essere più diversi.

La prima era la capitale della Creta romana, dove vennero scolpite le famose leggi del 480 a.C. Oggi si vedono alle spalle dell’odeon: 17000 caratteri che si leggono sia da destra a sinistra che viceversa, secondo il sistema bustrofedico. Regolavano questioni relative alla libertà individuale, alla proprietà e all’eredità.

Gortina, Odeon

Gortina

I templi dedicati a Iside e Sarapide, quello di Apollo e una basilica cristiana del V secolo, costruita dove subì il martirio San Tito, completano il quadro insieme al pretorio, centro amministrativo e residenza del governatore.

Festo invece è molto più antica. I primi edifici del magnifico palazzo minoico risalgono al 2000-1650 a.C. e pare siano stati fondati da Radamanto. Domina a perdita d’occhio il territorio circostante, dall’alto. Nel silenzio, con la luce morbida del tramonto che accarezza le antiche pietre rendendole quasi color pesca, è ancor più suggestivo.

Festo

Festo 1

Festo

Mátala è più bella la sera, circondata dal buio. È luci colorate, bar e musica con vista sul mar Libico e onde come sottofondo. Tutta alberghi e negozi che vendono accessori da spiaggia, si trova così vicino a Festo che i vacanzieri durante l’estate invadono volentieri il sito archeologico.

Matala

Mátala

Per essere soli è sufficiente spostarsi di un paio di chilometri: Agía Triáda è un magnifico sito archeologico solitario, sul  versante opposto della stessa collina rispetto a Festo. Piccolo, i resti del palazzo e del villaggio sono cospicui. I muri reali sono ancora in parte rivestiti di alabastro.

A Préveli c’è un monastero circondato dal verde da cui si domina l’azzurro del mare. E in cui si fa fatica a parlarsi, visto il vento che soffia. Anche questo è stato un centro della Resistenza cretese contro turchi e tedeschi durante la seconda guerra mondiale. Sembra che oltre le porte in legno scuro orlate da piante rampicanti vivano ancora dei monaci.

Anche Frankokástelo controlla il mare, affacciandosi direttamente sulla spiaggia e le onde. Costruito con mattoni color sabbia chiara dai Veneziani nel 1371 per difendersi dai pirati e dai turchi, si può salire sulla sommità del mastio e passeggiare tra i papaveri all’interno delle sue mura.

Frankokastelo

Frankokástelo

Nel pomeriggio torniamo a Chaniá tra le nuvole e, appena iniziamo a vedere il Mar di Creta, ci avvolge la luce del sole. È già ora di tornare casa.

Diari di viaggio

La Turchia più lontana

L’idea di ritornare a parlare di Turchia l’ho avuta un paio di giorni fa leggendo l’ultimo numero di National Geographic e poi guardando gli aggiornamenti del blog di Paul Salopek. Il giornalista americano che sta facendo il giro del mondo sulle orme delle migrazioni umane nei millenni è arrivato a Kars. E ripensando a questo luogo, a pochi passi dal confine con l’Iran e nel cuore della parte di Turchia che a me è piaciuta di più, ho ripreso a scrivere.

Dunque, avendo già toccato l’antica capitale armena, è giunto il momento di parlare delle cosiddette Valli Georgiane. Come suggerisce il nome, per raggiungerle è necessario dirigersi verso il Caucaso.

 DSC_0616     DSC_0620

Monasteri, chiese, cascate spettacolari. Si tratta di una serie di giardini dell’Eden in cui mettersi alla ricerca dei ruderi di castelli ed edifici religiosi. Ma, come sempre, non è solo il paesaggio a rendere un luogo stupendo. Anche immersi nella natura, le persone sono quelle che possono renderla più bella. E qui abbiamo incontrato la più genuina ospitalità turca. I turisti che arrivano da queste parti sono veramente pochi, le strade da percorrere sono tutte sterrate, fiancheggiate da strapiombi a dir poco paurosi. I colori della terra e l’azzurro dell’acqua, in contrasto, aumentano la magia del luogo. Le dighe in realizzazione rovineranno tutto, probabilmente. Si dice che nessuna chiesa verrà sommersa, ma in nome dell’indipendenza energetica turca lo saranno i villaggi. I residenti non conoscono la data in cui avverrà l’allagamento, ma sanno che sarà inevitabile. Prima o poi dovranno lasciare tutto questo: gli alberi verdissimi che li circondano e circondano le vie dei villaggi sparsi lungo i diversi corsi d’acqua che attraversano le valli; i fiori e i frutti che in quantità incommensurabili vi si trovano.

DSC_0757

Quei giardini dell’Eden che sono oggi, presto spariranno. E l’idea mi riempie di tristezza. In direzione di Artvin, si sta costruendo una strada sopraelevata rispetto alla precedente e nella zona dove una delle dighe è già entrata in funzione il paesaggio è desolante: si vedono case e alberi affiorare dall’acqua con ruspe e camion al lavoro che le osservano dall’alto.

E pensare che sono stati l’isolamento, il fervore religioso e l’appoggio di Bisanzio nel corso del X secolo a consentire lo sviluppo di un clima culturale tanto peculiare. Queste bellissime chiese erette in luoghi così impervi dovrebbe farci riflettere su come l’avere un sogno, un obiettivo, possa spingerci a dimostrare una forza sovrumana. Paragonabile a quella dei numerosi pellegrini georgiani che attraversano il confine grazie a speciali permessi che gli consentono di raggiungere per un breve periodo queste zone. Sarebbero moltissime le chiese di cui citare i nomi. Nonostante oggi siano abbandonate a se stesse, sono spettacolari, come le Cascate di Tortum e i i castelli in rovina. I soffitti degli edifici spesso mancano e bisogna fare attenzione a dove si mettono i piedi quando vi si entra. Gli affreschi che dovevano ricoprirne pareti e cupole sono praticamente scomparsi. Ma il poco che rimane permette di immaginarne la magnificenza. E’ come se, insieme ad Ani, questi luoghi dimostrassero quanto la storia (e l’uomo, che la scrive, nel bene e nel male) crea e distrugge. E quanto, d’altra parte, tutti cerchiamo di sopravvivere alla storia stessa, in qualche modo. La tradizione, la cultura e il ricordo fanno sì che la storia non possa distruggere ciò a cui teniamo. Il rispetto che gli edifici di Ani meritano quando li si guarda, lo meritano anche queste chiese. Nascoste tra gli alberi, con pezzi di sé ai propri piedi, è come se non volessero piegarsi al tempo che scorre. Ma cercassero di resistere in eterno. Anche per questo andrebbero presto visitate.

DSC_0660       DSC_0690

E per non perdersi lo spettacolo, è necessario avventurarcisi il prima possibile, perché loro cercano di resistere, ma se noi riusciamo a sommergerle non possono fare molto per opporsi a questo destino.

Diari di viaggio · Portogallo

Giorno 10: una giornata in monastero

Da Nazarè e i suoi pesciolini messi al sole ad essiccare, ci siamo diretti a nord per dedicare la giornata alla visita di tre monasteri: Alcobaça, Batalha e Tomar.

Tutti immensi e decisamente suggestivi, con le loro guglie e i loro chiostri sono molto interessanti. Anche per questi esiste un biglietto cumulativo che permette di di fare la fila per pagare una sola volta.

Alcobaça è davvero enorme e la sua cappella più famosa è la cosiddetta “Sala dei re” in cui, sugli azulejos, sono raffigurati il monastero, la sua storia e i re portoghesi.
A Batalha, invece, tra guglie e pinnacoli è la “Cappella del fondatore” ad avere qualcosa di magico: le tombe sovrastate da finestre colorate fanno sì che al visitatore paia di essere in un luogo ancor più sacro, come si trovasse fuori dalla basilica, in una cappella solitaria in mezzo alla campagna.

Ma il convento più spettacolare è quello dell’Ordine di Cristo di Tomar. Sembra di essere all’interno di una fortezza dai mille chiostri, tutti diversi l’uno dall’altro, alcuni ricoperti di azulejos, altri spogli, altri ancora con le decorazioni scolpite nella pietra. Questo luogo è un vero e proprio labirinto, dove è facile perdersi e complicato trovare l’uscita.
La famosa “Rotonda dei templari” è una zona della chiesa principale interamente ricoperta da affreschi rappresentanti scene della Bibbia e simboli templari.

1263 - Chiostro principale, Convento de Cristo, Tomar

Convento dell’Ordine di Cristo, Tomar

Concluso il tour dei conventi, siamo arrivati fino a Porto per la notte, con l’idea di fare un tour lungo il fiume Douro il giorno successivo.