Mente vagabonda

Updating my bucket list

Era febbraio del 2016 quando ho pubblicato la mia prima bucket list. Da quel momento, ho cambiato facoltà universitaria, ho vissuto nove mesi in Spagna e due in Francia, ho imparato una nuova lingua e perfezionato lo spagnolo, ho viaggiato molto, trovato un lavoro in un giornale e, cosa non da poco, mi sono innamorata.

Dunque, è giunto il momento di ricominciare a raccontare le mie peregrinazioni (e ce ne sono tante di cui parlare): quale miglior maniera di tornare a scrivere su questo blog se non aggiornando la mia lista? Un giorno dopo l’altro, potrei farla diventare sempre più lunga, ma cominciamo dallo spuntare qualche voce tra quelle originarie!

  1. Viaggiare e scrivere.
  2. Andare in Tibet.
  3. Laurearmi ✅

  4. Lanciarmi con il paracadute.
  5. Fare qualche lezione di surf.
  6. Fare snorkelling nella Grande Barriera Corallina australiana.
  7. Imparare bene il francese ✅

    I due mesi trascorsi a Nizza, tra scuola e vita quotidiana, sono valsi due esami DELF ben fatti e soprattutto la capacità di fare discorsi complessi, parlare al telefono, vedere film e leggere libri in francese.

  8. Partire con Medici Senza Frontiere, Emergency o altre organizzazioni di questo tipo.
  9. Continuare a conoscere tante persone in giro per il mondo ✅: un work in progress che non finirà mai.
  10. Avere un letto rotondo.
  11. Essere meno timida.
  12. Guidare un vecchio maggiolino Volkswagen.
  13. Fare una giornata di shopping folle a New York.
  14. Frequentare, almeno per un periodo, una prestigiosa università americana.
  15. Andare a vivere all’estero ✅

    Non per sempre, ma negli ultimi due anni ho vissuto più tempo all’estero che in
    Italia, tra Spagna e Francia, in entrambi i casi per motivi di studio.

  16. Abitare in una grande metropoli.
  17. Studiare una lingua straniera come il cinese o l’arabo.
  18. Imparare a cucinare ✅

    Non sono uno chef stellato e detesto cucinare quando qualcuno è in cucina con me, ma sono notevolmente migliorata, non solo nel seguire le ricette: l’aver vissuto da sola per un anno a Santiago de Compostela e dovermi nutrire quotidianamente, oltre al piacere di prendere una pausa “obbligata” dallo studio per cucinare, mi hanno resa una (molto) discreta cuoca.

  19. Assaggiare gli insetti.
  20. Tuffarmi da una scogliera.
  21. Andare a camminare in Patagonia.
  22. Imparare a fare la maglia ✅

    postIl mio porta Kindle, cucito ad hoc prima della partenza per Cuba.

  23. Vedere l’Angkor Wat in Cambogia, Petra in Giordania, le piramidi in Egitto e le piramidi Maya in Messico.
  24. Fare un viaggio da sola in India.
  25. Camminare sulla Grande Muraglia cinese.
  26. Viaggiare lungo tutta la Transiberiana.
  27. Mangiare sushi a Tokyo ✅

    Sushi, zuppa di miso e mochi.

  28. Imparare a ballare la salsa a Cuba ✅

    Ci sono anche dei video che lo dimostrano.

  29. Fare un viaggio on the road da una costa all’altra degli Stati Uniti.
  30. Scrivere un libro.
  31. Partecipare a un matrimonio indiano.
  32. Vedere l’aurora boreale.
  33. Visitare i luoghi di Harry Potter in Inghilterra ✅


    Non ho visitato realmente tutti i luoghi in cui è ambientata la saga, ma gli Harry Potter Studios e King’s Cross sì.

  34. Fare un viaggio via terra seguendo l’antica Via della Seta.
  35. Ritornare in Sudafrica e fare trekking sul Drakensberg.
  36. Rivedere la mia famiglia sudafricana e Janeth il più presto possibile ✅



    Janeth, all’altro lato dell’Oceano Atlantico, non l’ho ancora rivista, ma a novembre del 2018, dopo otto anni e durante il nostro viaggio attraverso la Namibia e il Western Cape, ho incontrato di nuovo la mia host family di Cape Town. Una delle emozioni più forti di questo viaggio.

  37. Fare yoga in un ashram indiano.
  38. Fare trekking sull’Himalaya.
  39. Risalire il Rio delle Amazzoni in barca.
  40. Vedere i gorilla in Uganda.
  41. Visitare gli archivi della National Geographic Society a Washington.
  42. Visitare i Parchi Nazionali americani.
  43. Fare volontariato all’estero.
  44. Visitare il Museo della Croce Rossa di Ginevra.
Mente vagabonda

2016: Felicità

2016. Un anno è volato. Un altro anno da ricordare. Viaggi, cambiamenti e tanto Amore. Alti e bassi, lacrime di tristezza, di rabbia e soprattutto di felicità. Un po’ di nuova faccia tosta. Persone prima sconosciute e adesso amiche, persone che ritornano, persone che restano e altre che spariscono.

La mia prima volta in una domenica pomeriggio invernale a Portofino, quasi deserta. Quanto mi piacciono il freddo e il mare d’inverno. Carnevale a Venezia sotto la pioggia, poche maschere, ma Burano rimane uno dei posti che preferisco al mondo!

dsc_0951

Portofino

dsc_0057

Burano, Venezia

La Sagra del Pesce di Camogli con il sole, il caldo tropicale dei Caraibi e il freddo dell’aria condizionata nelle casas particulares di Cuba. Un mondo tanto diverso dalla nostra quotidianità, le comodità e la semplicità di avere praticamente tutto a portata di mano (o di click).

Habana Vieja, La Habana - Cuba

La Habana, Cuba

Un ritorno in grande stile a Vienna, tra i palazzi asburgici e l’alternativa proposta dal grande architetto Hundertwasser, di cui mi sono innamorata. Il sole, le passeggiate lungo il Danubio e il cibo vegano.
Roma, la città eterna, diversa rispetto a quanto ricordassi e sempre più bella.

Schlöss Belvedere, Wien - Austria

Vienna

Trastevere, Roma - Italia

Roma

Nei Paesi Baschi abbiamo bevuto litri di vino e mangiato una quantità incommensurabile di pinchos davvero sublimi. Non ho scritto ancora tutto di questo viaggio, ma riuscirò a farlo prima della prossima partenza! Un tratto dello storico Cammino di Santiago l’abbiamo fatto in automobile e abbiamo obbedito al comandamento “El Camin che Santiago se hace por etapas”, scritto su una facciata di Logroño. Mi piacerebbe percorrerlo a piedi, anche se in modo profano… Un viaggio lento, in cui pensare.

20160815_132745

20160814_220431

Logroño

dsc_0959

Gaztelugatxe

Portando avanti la tradizione della visita ai Christmas Markets, quest’anno è stata la volta di Zagreb. Nuovi, cercano visitatori e meritano davvero di essere visti!

Zagreb - Croazia

Zagabria

Per concludere in bellezza, Budapest. La città in cui Buda e Pest si osservano, si affrontano nel gelo più rigido che abbia incontrato quest’anno, completandosi. Costituendo una città magica, sotto ogni punto di vista. I locali, le terme, le luci della sera che illuminano più che il sole coperto dalla nebbia durante la giornata. Ricca, di cultura e di vita.

dsc_0423

dsc_0600

Budapest

Direi un anno intenso e che mi lascia soddisfatta delle mie scelte, davvero Felice di averlo vissuto proprio così.

Non ho fatto una lista per i miei travel dreams per il 2017 per il semplice motivo che credo che le cose succedano, una alla volta, in un ordine casuale che solo poco corrisponde ai nostri piani. Quindi, aspetto con pazienza e organizzerò i miei viaggi per il mondo uno dopo l’altro, con calma. Spero solo che siano tanti e in luoghi che non ho ancora esplorato!

Grazie, dunque, alle persone della mia vita. E a voi, lettori, perché questo blog è scritto con il cuore. E ogni volta che qualcuno lo legge, mi riempio di gioia ancor di più!

dsc_0783

Buon 2017, che sia ricco di sogni che si realizzano, Felicità e viaggi!

 

 

Mente vagabonda

Waiting for the next travel

Ascoltare i cd acquistati a Cuba ogni volta che mi metto alla guida è un ritorno al viaggio. Che, a ripensarci, sembra ancor più bello. I problemi incontrati si cancellano e tante cose che ho scritto nel diario sembrano addirittura surreali.

Il viaggio continua quotidianamente. Non solo mentre si è via: comincia nel momento in cui si decide di partire e continua quando si raccontano le proprie esperienze, si legge la cronaca in cui si parla del Paese in cui si è stati, si vedono foto e filmati. Continua fino al prossimo viaggio e si sovrappone al successivo. Continua nella testa e nel cuore, nei ricordi tangibili e non. Il potere del viaggio è incommensurabile.

Potere sulla felicità, sul relax che i pensieri danno; gli oggetti ricordano che è stato tutto vero anche se pare lontano anni luce. Le foto se ci sei stato non ricordano solo i colori, la luce e i sorrisi, ma anche gli odori e i sapori. Avete presente Marcel Proust e la sua “Ricerca del tempo perduto”? Tutto inizia con il sapore delle madeleines. Le descrizioni dei pensieri e delle emozioni nei diari sono importanti perché anche dopo anni ti riportano a momenti che apparentemente erano stati cancellati dalla memoria. Scrivere non è solo bello e rilassante, è necessario per ricordare. Tutto. Le foto sono un’arte che tutti possono apprezzare, ma le parole sono solo tue. Soggette all’interpretazione degli altri, sì, ma ancor più personali di uno scatto per me. Per quanto io ami fotografare, credo che anche senza parole le foto parlino, ma sempre meno rispetto ad una pagina di racconti priva di immagini.

Anche per questo, mentre aspetto di partire per il prossimo viaggio amo scrivere!

DSC_0305 (3)

Lago d’Orta

Listening to the CDs I’ve bought in Cuba while I’m driving takes me back to our travel. Everything seems more beautiful, forgetting about problems we had overthere. Reading my travel diary sounds weird, sometimes.

Travels continue everyday. They start before the departure and, actually, lasts forever. You can’t stop traveling because you’re back home. Your mind flies back and forward, to past travels and future ones. You talk about your travels, hear about the countries you’ve been to in the news, watch pictures and videos you’ve taken overthere. Travels last, in your mind and soul. Their power is endless!

Traveling makes me feel Happy and relaxed at home too. Things I’ve bought around the world remember me that I’ve been there, although it seems so far away in space and time. Photographs mean much more if you’re the photographer: these are not only colorful landscapes or people, but feelings, tastes, perfumes.

Do you remember Marcel Proust, “In search of lost time”? Everything starts tasting madeleines. Reading your memories takes you back, in beautiful places. Writing is relaxing. But, more important, it lets you remember everything whenever you want. Photographs are art, they can speak. But they need words to tell stories. Words, instead, don’t need pictures to do it. Every reader can imagine how the writer feels and let himself go. There’s a strong connection between the two, although words are subjected to personal interpretation.

I love taking pictures, but I love writing too. And words are more powerful, for me. That’s why I love writing while waiting for the next travel!