Diari di viaggio · Spagna

La città dei tori e il fiume splendente

Pamplona è sovraffollata solo a metà luglio, quando si svolge la famosa corsa dei tori. La settimana di San Firmino deve essere il delirio, tra gli stretti vicoli della città vecchia. In tutto il mondo è conosciuta per quei giorni di follia collettiva, in cui abitanti e turisti corrono per le strade insieme ai tori rischiando di morire incornati. È tradizione. Una barbarie, per me, come la corrida.

dsc_0256

Ma noi arriviamo quando è già tornata ad essere la tranquilla cittadina di provincia che è nel resto dell’anno. Poco più di mezza giornata è sufficiente per visitarla. Passarvi una serata tra i pinchos bar è piacevole.

Noi passeggiamo per la città vecchia. Vediamo l’arena, le mura e alcune chiese. Il centro storico è circondato da fortificazioni a forma di stella, in molte zone trasformate in parchi.

dsc_0238

Pamplona

La casa comunale, da cui il sindaco annuncia ogni anno l’inizio delle celebrazioni della Settimana di San Firmino, si affaccia su una piccola piazza da cui passa anche il Cammino di Santiago. Sono 750 i chilometri percorsi da migliaia di pellegrini e viaggiatori che, con la conchiglia al collo e il tipico bastone, partono da Roncisvalle e raggiungono Santiago.

Curiosi, andiamo a Roncisvalle. L’avevo immaginata diversa. Il suo nome richiama alla mente la “Chanson de Roland“, la letteratura cavalleresca e Carlo Magno. Pensavo ad un paesino di montagna, come quelli alpini. Invece si esaurisce con un monastero e i ricoveri per i pellegrini che da qui partono per seguire il Cammino.

dsc_0292

Monastero di Roncesvalles

Si possono visitare il chiostro e la chiesa, ma nulla di più. Sì, c’è una cappella che si dice sia stata costruita sul luogo dove sarebbe morto Rolando. Ma questo è tutto.

Più graziosa è Ochagavía, dove il ponte pedonale sul fiume, i vicoli acciottolati e i fiori rossi sui davanzali sono il tipico scenario del paese di montagna.

Ujué è un borgo medievale fortificato, color miele. Sulla cima di una collina, silenzioso.  Anche l’Iglesia de Santa María è fortificata, in stile gotico e romanico. La vista che si apre dal camminamento. Si dice che qui sia conservato il cuore di Carlo Magno. È il morbido color sabbia a ricordarmi Mardin, nel sud-est della Turchia.

dsc_0341

Ujué

Il castello di Olite, quasi del tutto ricostruito negli anni ’30 come era in origine, si riconosce da lontano. Se prima era il nome a richiamare scene epiche di cavalieri e battaglie, qui è la vista del castello a far pensare a principesse imprigionate nelle torri, draghi sputa fuoco e coraggiosi cavalieri.

dsc_0404

Palazzo Reale di Olite

Torri merlate, giardini pensili, balconi da cui si ammirano i vigneti a perdita d’occhio. Un tuffo nel Medioevo e nei romanzi fantasy!

È il Parco di Urbasa però a lasciarci senza fiato. Non menzionato nella mia guida turistica, ci è stato consigliato da un’amica. E che consiglio fantastico!

La passeggiata è piacevole, anche se il caldo è soffocante. Il Rio Urederra forma laghetti e cascate in mezzo al bosco così suggestivi che vale la pena sudare per raggiungerli! Ma appena scorgiamo il primo ci si riempiono occhi e cuore! Lo spettacolo è mozzafiato!

dsc_0466

Mi ricordano molto le foto dei Laghi di Plitvice, in Croazia. Il rumore dell’acqua è rilassante, libera dalla stanchezza. Non ci si può avvicinare e non si può fare il bagno nel fiume, ma lo spettacolo è davvero unico! E di per sé rigenerante.

Circondati da soli visitatori spagnoli, seguiamo il sentiero lungo il fiume, passando da un laghetto all’altro, accompagnati dallo scrosciare dell’acqua azzurra come fosse un cielo terso illuminato dal sole di mezzogiorno. Completamente circondati da verde e marrone degli alberi e del sentiero in terra battuta.

dsc_0498

Parco Nacional de Urbasa

Ci fermiamo ad Artavia, dove si può fare il bagno nel fiume, anche se l’acqua è gelida. Sembra una piscina, da tanto è calma l’acqua. E stare seduti nel prato, guardarla e ascoltarla è sempre un piacere!

 

Informazioni pratiche:

  • A Pamplona, buonissima base per visitare sia i Pirenei che il Parco Nazionale di Urbasa, ci sono dei parcheggi gratuiti al di fuori del centro storico, che si raggiunge in pochi minuti con un’ascensore. Questi si trovano in Calle Rio Arga.

    Bar Restaurante Jatetxea
    San Nicolás, Cocina Vasca
    C/San Nicolás, 13
    Pamplona/Iruña
    Tel. 948 221319

  • Per il parco di Urbasa, anche Estella è una piccola cittadina lungo il Cammino di Santiago in cui può essere piacevole fermarsi.

    dsc_0458
    EstellaBar Restaurante Izarra
    Caldereria, 20
    Estella/Navarra
    Tel. 948 550024

    All’ufficio turistico si possono trovare informazioni ed opuscoli utili riguardo tutta la regione.

  • Per iniziare la passeggiata che porta ai laghetti si segue la strada NA-7178 fino a Baquedano. Non si paga l’ingresso al parco, ma per parcheggiare l’auto il costo di 3 euro per l’intera giornata.

http://www.parquedeurbasa.es/
http://www.turismo.navarra.es/

Diari di viaggio · Spagna

Cassoulet e i primi pintxos

I chilometri che ci separano dal confine spagnolo sono tanti. Partiamo la mattina presto, dopo colazione, e ci fermiamo a Tolosa per la notte. Non troviamo traffico, ma decidiamo di prendercela con calma.

DSC_0078

Tolosa

Stasera ceniamo alla francese e passeggiamo per la graziosa città universitaria poco frequentata d’estate. Le vie del centro storico sono acciottolate e strette, per i soli pedoni. Con la luce del giorno, cominciamo a scoprirla dalla Place du Capitole, dove l’edificio che ospita municipio e teatro ha una facciata lunga 128 metri.

Vaghiamo per i vicoli e troviamo vie a dir poco popolate da soli negozi di fumetti e libri. Visitiamo la Cattedrale e torniamo a Place St-Georges, dove avevamo mangiato una cassoulet di fagioli secchi e carne per cena.

Il Couvent des Jacobins in mattoncini rossi, anche se con la facciata in ristrutturazione, merita una visita. La chiesa a due navate è illuminata dalla luce colorata che entra attraverso le vetrate istoriate e i soffitti sono altissimi.

DSC_0045

Couvent des Jacobins, Tolosa

Il chiostro è silenzioso e rilassante, con l’immenso refettorio che funse anche da maneggio per i cavalli dell’Armata Napoleonica nel XIX secolo.

Superiamo il confine a metà pomeriggio e in pochi minuti raggiungiamo San Sebastián: il caos. Una miriade di turisti e bagnanti, automobili in coda ai semafori troppo spesso rossi, prezzi per una camera doppia allucinanti.

Torniamo sui nostri passi e ci fermiamo nella più piccola (e tranquilla!) Hondarribia.

DSC_0100

Hondarribia

Circondata da mura e bastioni del XV e XVI secolo, si erge sulla sommità di una collina. Troviamo una stanza carina nel centro storico e decidiamo di tornare nella Rimini dei Paesi Baschi solo il giorno successivo. I nostri primi e agognati pintxos meritano di essere gustati con un bel bicchiere (o anche due) di vino tinto, senza l’ansia di doverci mettere alla guida!

Ci facciamo consigliare dalla proprietaria dell’ostatua dove alloggiamo quali sono i migliori: la “vita notturna” della città si svolge fuori dalle mura e dal centro storico, sul lungomare e le vie circostanti. La quantità di gente che riempie San Pedro Kalea è folle! I bar traboccano di calici di vino e pintxos esposti sui lunghi banconi, con gli avventori in mezzo alla strada che si gustano le proprie delizie in compagnia.

20160811_204405

Hondarribia si affaccia sull’oceano e una passeggiata tra Plaza de Armas, Plaza de Gipuzkos e le strette calles è piacevole. Tra una sosta e l’altra nei pintxos bar è anche perfetta una camminata sul lungomare, fresco per la leggera brezza che soffia di continuo.

Torniamo a San Sebastián nel primo pomeriggio. Per raggiungere il casco viejo, camminiamo lungo il Paseo de la Concha, una delle due lunghissime spiagge dorate della città. Definirla affollata è dire poco, ma la passeggiata sotto il sole è comunque piacevole. Raggiungiamo l’Ayuntamiento, un bel palazzo costruito nel 1887 come casinò e oggi sede del municipio cittadino. Saliamo al Monte Urgull a piedi, anche perché i mezzi pubblici per la vetta non effettuano servizio durante la Semana Grande, l’imponente festival estivo della città.

DSC_0165

Monte Urgull, San Sebastián

La vista da qui è spettacolare: si vedono il centro storico, Playa de la Concha e Playa de Gros, la Isla Santa Clara e l’oceano, di un blu intenso e cristallino davvero stupendo! Entrando nel piccolo museo che ripercorre la storia della città, raggiungiamo la statua del Cristo, il punto più alto del monte.

Scendiamo dal sentiero che porta a Plaza de Zuloaga, dove ha sede il San Telmo Museoa.

DSC_0173

San Telmo Museoa, San Sebastián

Ci perdiamo per i vicoli della parte vieja, vediamo l’esterno delle iglesias e Plaza de la Constitución, dove ogni finestra dei palazzi che la circondano è numerata. Facciamo uno spuntino a base di tapas, dato il susseguirsi di pintxos bar che non fanno altro che attirare la nostra attenzione.

Entriamo nella Iglesia del Buen Pastor e, con la storica funicolare del 1912, saliamo al Monte Igueldo, che chiude Playa de la Concha dal lato opposto a quello del Monte Urgull. Anche da qui, la vista è spettacolare!

DSC_0231

San Sebastián

Decidiamo che non vogliamo percorrere autostrade in Spagna, quindi per raggiungere Pamplona torniamo verso Hondarribia e seguiamo la statale, lasciandoci l’oceano alle spalle.

 

I “nostri” pintxos bar di Hondarribia:

  • Gran Sol
    San Pedro Kalea, 63
  • Vinoteka Ardoka
    San Pedro Kalea, 32
  • Restaurante Itsaspe
    San Pedro Kalea, 40
    www.restauranteitsaspe.com

 

Altri siti web utili:

  • www.toulouse-visit.com
  • www.jacobins.toulouse.fr
  • https://tourism.euskadi.eus/en
  • www.sansebastianturismo.com/en
  • www.monteigueldo.es
Diari di viaggio · Spagna

Euskadi: Ongi Etorri!

Euskadi. I Paesi Baschi spagnoli. Dove l’identità basca e così forte che tutto è scritto sia in basco che in spagnolo (e spesso solo in basco)… Le famose tapas sono i pintxos, superbi, e l’unica bandiera che sventola sui pennoni è quella basca.

La costa è aspra e verdissima, l’interno caldo e bruciato dal sole. Le città sono costruite in mattoni color miele, ci sono fiori colorati e vigne a perdita d’occhio. I borghi sul versante spagnolo dei Pirenei, i castelli, un parco naturale con cascate e laghetti che sono più azzurri di una piscina nuova di zecca.

DSC_0307

Ochagavía

Il Cammino di Santiago (che abbiamo incrociato molto spesso) e l’eremo sull’isolotto di San Juan de Gaztelugatxe da raggiungere con una camminata devastante, ma stupenda.

Pamplona è famosa per la corsa dei tori (abominevole, per quanto mi riguarda), ma durante il resto dell’anno è una bella e tranquilla cittadina di provincia. Logroño è rilassante e il vero paradiso dei bar che vendono pinchos e vino tinto.

Bilbao (meglio, Bilbo) è una grande città che espone il proprio passato industriale con orgoglio e la sua nuova vita, di città dell’arte contemporanea e all’avanguardia, è frizzante. San Sebastián è la Rimini basca, con le spiagge sovraffollate e speciale per le strette vie del casco viejo e gli onnipresenti pinchos bar, oltre ai ristoranti stellati per cui è conosciuta.

DSC_0231

San Sebastián

10 giorni, 3698 km on the road e 126 km a piedi. La mia auto che si vede che ha fatto così tanta strada, la mia Nikon ancor più vissuta, ma sempre perfetta.

Ce la siamo presa con calma, abbiamo mangiato (forse un po’ troppo) con gusto e curiosità. Ci siamo adattati agli alberghi senza aria condizionata e siamo stati sfacciatamente fortunati, sotto ogni punto di vista. Direi che questo viaggio è stato pressoché perfetto!

DSC_0330

Navarra

Diari di viaggio · Spagna

Looking for Spain

Tra i pochi viaggi organizzati e portati a termine di quest’anno, c’è la mia settimana spagnola. Erano ben quattro anni che non vedevo le mie amiche. Da quando ci siamo incontrate per la prima volta, durante una delle più belle esperienze della mia vita: due mesi in Sudafrica. E, finalmente, siamo riuscite a passare un po’ di tempo insieme. In realtà come se fossero solo alcuni giorni che non ci vedevamo!

Date le nostre note doti di viaggiatrici instancabili, siamo riuscite a visitare in soli sette giorni Madrid, Barcellona, Toledo e Aranjuez. Abbiamo dormito poco (il minimo indispensabile) per avere più tempo possibile a disposizione per Noi e ottimizzato gli spostamenti, cercando di visitare al meglio questi luoghi stupendi.

DSC_0057

Per vedere Madrid un paio di giorni sono sufficienti. Si raggiunge tutto a piedi. Con una breve passeggiata ci si muove dal Palazzo Reale a Plaza Mayor, si arriva al Parco del Retiro per un po’ di relax e si torna al Paseo del Prado, cuore pulsante della città insieme a Plaza del Sol.
Tappe obbligate anche per coloro che non amano l’arte e non ci spenderanno ore ed ore al loro interno come abbiamo fatto noi sono i musei. In primis, il Museo Nacional del Prado: qui è tutto da vedere, anche solo per un attimo. Se volete evitare la coda e ne avete la possibilità, andateci in tarda mattinata. Altrimenti un po’ di fila vale comunque la pena farla!
Da vedere sono anche il Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía, con il famosissimo Guernica di Picasso e le opere di Salvador Dalì, e il Museo Thyssen-Bornemisza, lungo il Paseo del Prado.

DSC_0081

Sono aperti al pubblico il Palazzo Reale e la Cattedrale, posti l’uno accanto all’altra. L’Ayuntamiento di Madrid ha una facciata stupenda e si trova nella medesima piazza della Fontana di Cibele. Poco lontano, El Retiro ha un laghetto veramente grazioso dove si possono noleggiare delle barchette a remi per trascorrere una mezz’ora di relax nel centro della capitale. Per rimanere sorpresi di ciò che avrete davanti agli occhi, andate al parco del Cuartel de la Montaña: vedere un tempio egizio del II secolo a.C. nel centro di Madrid non tutti se lo aspettano! E se volete concedervi un po’ di shopping, non c’è luogo migliore di El Rastro: ogni domenica mattina o nei giorni festivi, troverete (e comprerete) di tutto!

DSC_0094

Oltre a visitare questi luoghi, non dimenticatevi assolutamente di assaggiare ogni genere di Tapas. Su queste bruschette gigantesche vi metteranno l’impossibile, se lo chiedete! Per la paella, per quanto mi riguarda, è valsa invece la pena aspettare di essere a Barcellona.

In soli due giorni bisogna correre per riuscire a vederla, ma devo ammettere che è stato soddisfacente fare tantissimo in così poche ore! Per guadagnare tempo abbiamo viaggiato di notte, in pullman, in modo tale da arrivare a destinazione al mattino presto e ripartire solo la sera tardi del giorno successivo.

Passeggiare per Barcellona è uno spettacolo mozzafiato: sembra di essere all’interno di un immenso museo a cielo aperto. Le opere di Gaudí, con le loro curve e i loro colori sgargianti, si trovano accanto ad edifici imponenti e più classici. Si passa in poco tempo dal modernismo al gotico della città vecchia fino ai grandi palazzi a vetri di Plaça de les Glòries.

DSC_0286     DSC_0502

La Sagrada Família, Park Güell e Casa Battló sono imperdibili. Nella chiesa ormai simbolo della città, progettata inizialmente come neogotica da Villar alla fine dell’Ottocento, i giochi di luci creati da Gaudí sono spettacolari. E’ come se qualcosa di mistico si insinuasse fisicamente tra i visitatori sotto forma di pura luce. Nel chiacchiericcio generale si sente il silenzio e il bianco delle pareti e delle colonne, sottili e altissime, rende l’ambiente ancor più arioso.

Si può fare una camminata sul lungomare e tra le vie del centro storico, facendo una sosta al Museu Picasso e a Santa Maria del Mar, dove è ambientato il romanzo di Falcones. Imperdibile è anche il Mercat de la Boqueria: oltrepassata la sua insegna modernista, offre qualsiasi tipo di pietanza desideriate mangiare al momento o portare a casa con voi.

DSC_0571

E se tutto ciò non fosse ancora sufficiente a convincervi che una capatina nella capitale spagnola  e poi a Barcellona vale il costo del biglietto aereo (per altro, generalmente molto basso), posso dirvi che anche la sierra circostante Madrid è stupenda.

A Toledo è rilassante perdersi tra gli stretti vicoli che ricordano quelli di una medina marocchina. E basta il solo pensiero di Don Chisciotte per far capire quale atmosfera affascinante possa regnare da queste parti! Vi si trovano un museo di El Greco e un’imponente cattedrale, oltre ad alcune sinagoghe. Ad Aranjuez, invece, si va per visitare il Palazzo Reale. A circa un’ora di treno dal centro di Madrid, si arriva in quella che era il luogo di villeggiatura e di svago della famiglia reale. Gli ampi giardini che occupano gran parte del paese permettono di evadere completamente dallo stress della capitale.

DSC_0779    DSC_0993

Quindi, per una fuga di una settimana o poco più, prendete in considerazione anche questa opzione!

 

http://www.esmadrid.com/it/
http://www.spain.info/it/
http://www.visitarebarcellona.com/