Italia · Lago di Como

Villa Carlotta e i suoi giardini

Il lago di Como è noto per le ville d’epoca che ne ornano le rive. Dalla famosa Villa Balbianello di Lenno, dove sono state girate scene di Star Wars II e Casino Royal, ai Giadini di Villa Monastero a Varenna, non c’è paesino che non abbia la sua villa. Non tutte possono essere visitate, ma tra le più note e frequentate c’è sicuramente Villa Carlotta, a Tremezzo. I suoi giardini sono immensi e andrebbero visti nel periodo primaverile per goderne appieno, ma anche l’estate è una buona stagione per passeggiare tra gli alberi e visitarne il museo.

Due sono i percorsi che è possibile seguire per visitare il giardino botanico: l’itinerario completo, che dovrebbe durare circa 90 minuti, o quello breve, da 45 minuti. A questo tempo, va aggiunto quello necessario per la visita del museo, all’interno della villa.

DSC_0618

L’edificio venne fatto costruire per volere del marchese Giorgio II Clerici intorno al 1690 con funzioni di rappresentanza e di svago e in origine venne denominata proprio Villa Clerici. La villa divenne nota in tutta Europa grazie al suo successivo proprietario, Gian Battista Sommariva, che la acquistò nel 1801 e la arricchì di opere d’arte provenienti dalla sua collezione personale rendendola un celebre museo. Il nome odierno deriva dalla principessa Carlotta, figlia della principessa Marianna di  Prussia, che gliela donò nel 1847, in occasione delle sue nozze. La casata tedesca si occupò principalmente del giardino, piantando azalee, camelie, rododendri e sequoie. L’Ente Morale di Villa Carlotta, che ancora oggi nel gestisce la villa e i giardini, divenne il proprietario dopo la Prima Guerra Mondiale, nel 1927.

L’ingresso è magnifico, con la fontana, la scalinata che sale verso l’entrata del museo e i fiori. Gli interni raccontano la storia della villa ed espongono opere di artisti del calibro di Antonio Canova e Francesco Hayez. Di quest’ultimo, è L’ultimo bacio dato a Giulietta da Romeo il dipinto più noto e fotografato: ispirato alla tragedia shakespeariana, esposto a Brera nel 1823 e ripreso, dal punto di vista tematico, in altri tre dipinti successivi dello stesso autore. Nelle numerose sale si susseguono affreschi, arazzi, sculture e arredi di eccellente fattura, insieme agli splendidi soffitti decorati.

             DSC_0678     20190809_173408

Lo studio del duca e Il bacio di Hayez

Dal bosco dei rododendri al pergolato d’agrumi, passando per i diversi punti panoramici con vista lago, il percorso completo consente di trascorrere un paio d’ore di tranquillità. L’uliveto è una delle aree più rilassanti del giardino botanico insieme al giardino dei bambù: tra gli ulivi la vista sul lago è spettacolare e le canne di bambù insieme al ruscello e ai ponticelli, mi hanno ricordato una Arashiyama in miniatura, la foresta di bambù che si trova a poca distanza dal centro di Kyoto.

DSC_0628

Informazioni pratiche:

  • Luogo: Tremezzina, località Tremezzo.
  • Orari di apertura: dal 22 marzo al 29 settembre, dalle 9 alle 19.30 (ultimo ingresso ore 18.30; il museo chiude alle 19).
  • Biglietti:
    • Interi: 10 €;
    • Over 65: 8 €;
    • Studenti: 5 €;
    • Famiglia (due adulti + figli): 20 €.
  • Per ulteriori informazioni, il sito internet ufficiale: www.villacarlotta.it

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *