Diari di viaggio · Spagna

Euskadi: Ongi Etorri!

Euskadi. I Paesi Baschi spagnoli. Dove l’identità basca e così forte che tutto è scritto sia in basco che in spagnolo (e spesso solo in basco)… Le famose tapas sono i pintxos, superbi, e l’unica bandiera che sventola sui pennoni è quella basca.

La costa è aspra e verdissima, l’interno caldo e bruciato dal sole. Le città sono costruite in mattoni color miele, ci sono fiori colorati e vigne a perdita d’occhio. I borghi sul versante spagnolo dei Pirenei, i castelli, un parco naturale con cascate e laghetti che sono più azzurri di una piscina nuova di zecca.

DSC_0307

Ochagavía

Il Cammino di Santiago (che abbiamo incrociato molto spesso) e l’eremo sull’isolotto di San Juan de Gaztelugatxe da raggiungere con una camminata devastante, ma stupenda.

Pamplona è famosa per la corsa dei tori (abominevole, per quanto mi riguarda), ma durante il resto dell’anno è una bella e tranquilla cittadina di provincia. Logroño è rilassante e il vero paradiso dei bar che vendono pinchos e vino tinto.

Bilbao (meglio, Bilbo) è una grande città che espone il proprio passato industriale con orgoglio e la sua nuova vita, di città dell’arte contemporanea e all’avanguardia, è frizzante. San Sebastián è la Rimini basca, con le spiagge sovraffollate e speciale per le strette vie del casco viejo e gli onnipresenti pinchos bar, oltre ai ristoranti stellati per cui è conosciuta.

DSC_0231

San Sebastián

10 giorni, 3698 km on the road e 126 km a piedi. La mia auto che si vede che ha fatto così tanta strada, la mia Nikon ancor più vissuta, ma sempre perfetta.

Ce la siamo presa con calma, abbiamo mangiato (forse un po’ troppo) con gusto e curiosità. Ci siamo adattati agli alberghi senza aria condizionata e siamo stati sfacciatamente fortunati, sotto ogni punto di vista. Direi che questo viaggio è stato pressoché perfetto!

DSC_0330

Navarra

Austria · Diari di viaggio

Arte moderna e passeggiate in solitaria

È l’ultimo giorno. Passeggio da sola per Vienna, la mia amica lavora oggi. Pranziamo insieme con un immenso wrap rigorosamente bio. Voglio andare al Mumok, al MuseumsQuartier: c’è una mostra d’arte moderna che deve essere interessante. Ma apre alle 14, il lunedì. Fino all’ora di pranzo seguo i suoi consigli: torno nella Innere Stadt e cerco qualche regalo da portare a casa.

Lungo Mariahilfer Strasse ci sono negozi di ogni genere, da Zara a Butlers. Decido di passare di nuovo dalla Wiener Secessionsgebäude e dalla Staatsoper, poi vado a vedere il Palazzo dell’Albertina e il famoso Sacher Hotel.

DSC_0618

Wiener Secessionsgebäude

La Kärntner Strasse porta a Stephansplatz. È pedonale e circondata da palazzi bianchi e color sabbia: mi sembra di tornare al tempo in cui Sissi viveva all’Hofburg. La Kaisergruft, dove si trovano le tombe degli Asburgo, è in ristrutturazione e non si può visitare.

Giro per i vicoli intorno alla piazza del Duomo, passo dalla Mozart Haus e faccio una sosta alla boutique dei Manner, i famosi wafer viennesi. Mi godo la piazza principale sedendomi su una panchina sotto il sole rovente. Vedo l’Ankeruhr, progettato da un collaboratore dei fratelli Klimt secondo i dettami dello Jugendstil.

DSC_0657

Ankeruhr

La Ruprechtskirche, romanica e sobria, è la più vecchia della città. Scendo le scale e nelle vie che seguo per tornare verso il Graben ci sono solo io, quasi! Su Herrengasse c’è un negozio di dolciumi con vetrine bellissime e un paio di posti dove acquistare regalini davvero carini.

Prima di entrare al Mumok mi rilasso sulle panche azzurre. Al museo c’è la mostra Painting 2.0: Expression in the information age, dove sono esposti dipinti da Andy Wahrol a Monika Baer. Mi rilasso per un paio d’ore, al fresco e nella quiete del museo.

Torno al sole, passeggio per Neubaugasse e Lindengasse. È ora di tornare verso casa: devo fare la valigia, prendere la metropolitana e il treno, se non voglio perdere l’aereo. Mi mancano già la mia amica e l’atmosfera della grande città!

Continuo a sognare di vivere in una metropoli. La gamma di possibilità a disposizione è ciò che mi manca nel paesello. Usare i mezzi pubblici, la bicicletta, muovermi a piedi. Per quanto mi piaccia guidare, potrei anche fare a meno dell’automobile in un posto così. E ogni volta che ne visito una, il desiderio diventa più forte!

DSC_0677

Dato che i consigli gastronomici non guastano mai, ecco qualche idea.

A Spittelberg ci sono una serie di ristoranti di cucina austriaca molto graziosi, per una serata, un pranzo o un brunch rilassante.

Se si cerca qualcosa di più alternativo (e più viennese, ormai), vegan burgers davvero squisiti si trovano da “Swing Kitchen”:

  • Oberngasse 24, di fianco all’università TU, in Karlsplatz;
  • Operngasse 24.
  • www.swingkitchen.com

Per il gelato cercate “Eis Greissler”. Se c’è la fila, non preoccupatevi. Mettetevi in coda e ne varrà la pena!

  • Rotenturmstrasse 14, vicino a Schwedenplatz;
  • Mariahilfer Strasse 33.
  • www.eis-greissler.at

Il Film Festival c’è ogni anno, da metà luglio ad inizio settembre. Se vi trovate a Vienna in questo periodo venite qui per cena: l’atmosfera è giovane e vitale e la scelta è molto ampia. Se volete, potete mangiare cibi assolutamente diversi stando seduti allo stesso tavolo!
www.filmfestival-rathausplatz.at

Se vi piacciono i würstel, ci sono chioschi che li vendono in ogni angolo e quasi a ciascuna fermata della metropolitana e del tram.

DSC_0637

Per acquistare i Manner, i Mozartkugeln e qualsiasi altro genere di dolci non fermatevi nella Innere Stadt: lungo Mariahilfer Strasse ci sono molti negozi che li vendono e i prezzi sono decisamente inferiori!

Austria · Diari di viaggio

Emozioni: Wien, day 2

È domenica. I negozi sono chiusi, la città è tranquilla e più vuota del solito. Passeggiamo per Spittelberg con il sole alto nel cielo, fotografiamo i giardini dei ristoranti e le porte, le vetrine dei negozi con i cartelli che intimano “No Photos” proprio sotto i nostri occhi.

DSC_0173

Spittelberg

Il MuseumsQuartier è perfetto per un brunch (o una colazione domenicale – tanto qui si prolunga anche fino alle 15 l’orario del breakfast). D’inverno il cortile centrale è vuoto, visto il clima gelido. Ma d’estate è letteralmente gremito di tavolini e bar, panche colorate per sdraiarsi a prendere il sole tra la visita di un museo e un altro.

DSC_0222

MuseumsQuartier

L’Hofburg è poco lontano, basta attraversare Maria-Theresien-Platz. Prima di camminare per i vicoli affollati della Innere Stadt, però, voglio saperne di più su Friedensreich Hundertwasser. Il museo e l’edificio progettato dall’architetto eclettico a me sconosciuto (fino a questo momento) si trovano nei dintorni di Löwengasse, poco lontano dal Canale del Danubio. Andiamo in tram.

La Hundertwasserhaus è stupenda, anche se ancora non conosco il pensiero che sta dietro le sue forme. È colorata e morbida, tutta curve, sembra in grado di cullare chi la osserva e vi cammina accanto. Ed è subito amore per questo architetto e i suoi lavori. Andiamo alla KunstHausWien, poco lontano, e il sentimento diventa ancor più profondo: la sua filosofia ecologista, la concezione dello spazio e della natura sono sorprendenti! Un artista puro, che non pretende di spiegare i propri dipinti, anzi, vuole “solo” trasmettere emozioni.

DSC_0272

Hundertwasserhaus

DSC_0295

KunstHausWien

Dopo un’insalata, basta attraversare il canale del Danubio per raggiungere il Prater. L’immensa macchia verde è dotata di un grande parco divertimenti, che quest’anno compie 250 anni ed è stato il primo ad essere aperto nel mondo.

Lo attraversiamo fino al nuovo campus universitario della WU, dove gli edifici sono tutti particolari: uno arancione e senza angoli, che un po’ mi ricorda Hundertwasser; la biblioteca sospesa sopra le nostre teste, che sembra la prua di una nave, grigia, inclinata e con immense vetrate.

DSC_0348

Prater

DSC_0393

Campus WU

Con la metropolitana torniamo a Schwedenplatz, quella che nell’intento dei suoi progettisti doveva essere la nuova porta d’ingresso alla città. Ci incamminiamo sulla passeggiata che costeggia il Danubio per raggiungere a piedi il Fernwärme, l’inceneritore di rifiuti che Hundertwasser ha riqualificato nel 1971, vicino alla fermata della metropolitana di Spittelau.

DSC_0420

Fernwärme

Da Schwedenplatz percorriamo più di due chilometri lungo il fiume. Sono perfetti per un’oretta di jogging, nonostante le persone in passeggiata siano molte nel weekend. I graffiti, il fiume e lo sferragliare della metropolitana che passa proprio di fianco al sentiero lo rendono diverso dai soliti lungofiume. Ci sono le zone dove fermarsi a fare esercizio e le panchine per riposarsi.

Dopo centinaia di foto all’inceneritore, davvero spettacolare, ricco di colori e positività, torniamo di nuovo a Schwedenplatz, per il gelato e la Innere Stadt. E devo dire che il gelato bio di Eis Greissler è uno dei più buoni che abbia mai mangiato! Oltre al fatto che il gusto “semi di papavero” non l’avevo mai scovato da nessuna parte…

Si capisce subito che stiamo entrando nel centro storico della capitale. I negozi – anche qui chiusi, per lo più – e il numero di persone è altissimo, la piazza del duomo è piena di vita! Passiamo da Stephansdom e percorriamo il Graben, la via pedonale con i negozi di lusso. Torniamo alla Syria e al presente per qualche momento, davanti a un tentativo ben riuscito di sensibilizzare i passanti alla condizione attuale del Paese mediorientale.

DSC_0472

“Hier ist Syrien”

Andiamo alla Judenplatz, dove c’è il monumento commemorativo dell’Olocausto, alla Kirche am Hof, a Freyungplatz e Michaelerplatz, dove l’edificio volutamente modesto progettato da Adolf Loos contrasta con la magnificenza dell’Hofburg e le carrozze parcheggiategli di fronte. Passiamo dallo storico Café Central, prima di tornare alla residenza degli Asburgo.

C’è un artista di strada che fa le bolle di sapone, con il tramonto rosa e giallo alle spalle, tra le cupole del Naturhistorisches e del Kunsthistorisches Museums.

Ceniamo in Rathausplatz e ci diamo alla pazza gioia: Spätzle al formaggio, baked potatoes con la crema di formaggio e aglio, Himbeerbowle con i lamponi – buonissimo, ma decisamente alcolico!

20160805_180547

Austria · Diari di viaggio

Wien 2.0

La prima volta sono stata a Vienna nel 2009. Per le vacanze di Natale. Cinque giorni di freddo polare, alberi illuminati, qualche mercatino, residenze degli Asburgo e superbi musei.

Questa volta è stato diverso: lunghissime passeggiate, shorts e abbronzatura. Tre giorni intensi, di cibo vegano, architettura, due musei di quell’arte che vuole solo trasmettere emozioni, senza provare a spiegarle. Le università, il Danubio, Hundertwasser, i vigneti e i parchi di Schönbrunn e del Belvedere.

Come tutte le grandi città, a Vienna esiste l’alternativa. Anzi, qui forse ciò che fino a qualche anno fa era alternativo, ormai è quotidiano. In tutti i ristoranti  ci sono alternative vegan dei piatti proposti, nei negozi si vendono cibi biologici, ci sono hipster in ogni dove. E la folla di turisti (questo non tanto alternativo) si trova per lo più nella Innere Stadt, il centro storico.

 

DAY 1

Il primo luogo che torno a visitare è il palazzo di Schönbrunn, tanto grande da non riuscire a racchiuderlo con un unico sguardo. I colori delle t-shirts dei visitatori rendono la ghiaia dei viali più vivace e le aiuole fiorite mettono di buonumore, nonostante il caldo soffocante. La gloriette domina il parco e dalla sua altezza si dominano Vienna e la residenza principale.

DSC_0033

Schloss Schönbrunn

Andiamo al Naschmarkt, perfetto per scattare foto di frutta e verdura esposte con grazia, ma un po’ costoso per fare la spesa. Vi si trova di tutto, dalla manioca ai pomodori ai fiori secchi per condire l’insalata. I ristoranti sono affollati e vivaci, il caos è così simile a quello dei bazar di Istanbul e Marrakech da essere rilassante.

DSC_0051

Narschmarkt

A pranzo mangio il mio primo vegan burger da Swing, vicino all’università TU. E devo dire che il ripieno alla soia non mi dispiace! Sarà diverso, senza dubbio, ma è comunque buono!

Vegan burger

Karlsplatz è poco lontano. La Karlskirche che domina la piazza, protetta da due colonne istoriate che mi fanno sentire nel centro di Roma, è leggera, nonostante le dimensioni. A pochi passi c’è il Wiener Secessiongebäude, con la cupola d’oro che risplende sotto il sole che la colpisce. Poco più in là la Staatsoper, un mastodontico palazzo ottocentesco davanti a cui transitano tram, automobili, biciclette e autobus turistici. Sembra schiacciato tra gli edifici e scuro, quasi chiuso su se stesso, poco visibile. È possente.

Da qui prendiamo il tram per arrivare al palazzo del Belvedere, bianco, leggero, circondato dai giardini, libero. Tutta un’altra storia! È magica la vista dall’ingresso principale, dal Belvedere inferiore – due sono i palazzi che costituiscono il complesso, costruito su una collina con giardini terrazzati alla francese e adorni di cascate, fontane e statue.

DSC_0099

Schloss Belvedere

Dietro il Belvedere superiore, nel laghetto, c’è un’installazione fatta di giubbotti di salvataggio, quelli che si usano sulle barche, per richiamare l’attenzione su tutti coloro che stanno morendo, in questi anni più di prima, nel tentativo di attraversare il Mediterraneo e raggiungere l’Europa. Per contro, nella piazza antistante il Belvedere inferiore si può provare a fare surf in una piscina temporanea in cui vengono create delle onde artificiali ad hoc.

Poco lontano dal centro, a circa 15 minuti di tram, si arriva a Grinzing. Qui gli Heurigen sono lungo tutte le stradine e si può bere il vino prodotto dai vigneti circostanti senza la preoccupazione di dover guidare per tornare a casa!

DSC_0129

Heurigen, Grinzing

Con altri 15 minuti di autobus arriviamo sulla cima della collina, a Kahlenberg. Dalla terrazza si dominano le vigne, Vienna e il Danubio. Uno spettacolo che mi ero persa l’altra volta, ma che merita una visita! Ci sono anche tante passeggiate da fare, tra i vigneti o nel bosco, al fresco.

DSC_0118

Kahlenberg

Torniamo in città e andiamo a Spittelberg per la cena. Le vie acciottolate, i ristoranti con i tavolini fuori o nei giardini, le piante che si arrampicano sulle case, i negozi vintage. Bisogna andarci! E non solo con il buio…

Nella Rathausplatz c’è il film festival. Il grande schermo proietta un concerto che si è tenuto a Stoccolma. Ci sono un numero non ben definito, ma notevole, di stand gastronomici. Si può mangiare greco, giapponese, italiano, austriaco e chi più ne ha, più ne metta. Domani sera veniamo qui, per cena, no?