Mente vagabonda

Feeling lucky!

Quando penso ai  miei viaggi mi rendo davvero conto di quanto sono fortunata.
C’è chi a 22 anni ha viaggiato molto più di me, per motivi diversi, ma anche chi a 70 anni ha visto il mare della Liguria in estate e le montagne del Trentino Alto Adige in inverno.
E mi fa pensare come tanta gente che vorrebbe viaggiare non ne ha la possibilità e quanti potrebbero, invece, non hanno voglia o coraggio di partire.

quotetravel4_grande

Un assaggio di deserto, di foresta pluviale, di gelo artico e di famosi siti patrimonio dell’UNESCO l’ho avuto. A piedi o in auto ho attraversato l’Equatore, il Circolo Polare Artico e il Tropico del Cancro. Quello del Capricorno solo in aereo.

Sono stata in Sud America, negli Stati Uniti e ho pure passato una notte in Canada visto che la tormenta di neve del 2010 ha paralizzato la costa nord ovest degli U.S.A. e ci ha bloccati a Toronto. Sono stata in Africa, vivo in Europa e ho toccato l’Asia mentre attraversavo la Turchia. Non è molto forse, se si pensa a quanto è grande il nostro pianeta. Ma mi fa sentire privilegiata. Soprattutto perché questo io l’ho potuto fare per piacere, per scelta. Ho scelto di raggiungete il capo più meridionale del continente africano e quello più settentrionale dell’Europa continentale.

Capo Nord, estate 2009

Nordkapp, Svezia – 2009

Ho scelto di salire a bordo di un piccolo motoscafo (anche se non proprio consciamente…) per solcare le onde dell’Oceano Pacifico tra le isole dell’Arcipelago delle Galápagos e di prendere una canoa per navigare su un tratto di uno dei tanti affluenti del Rio delle Amazzoni nella zona di El Puyo, in Ecuador. Ho preso il treno che scende lungo la Nariz del Diablo, un bus per andare dal Perù alla Bolivia e un altro che mi portasse dal Toronto a New York sotto la neve. Le Linee di Nazca le abbiamo viste dall’alto, a bordo di un bimotore, e per le balene mi sono imbarcata una mattina ad Hermanus. Ho attraversato il confine tra Europa e Asia superando il Bosforo e ho quasi pianto lacrime di gioia dall’emozione alla vista del cartello Welcome to Asia.

Delle sette meraviglie del mondo moderno ne ho viste due e pensare di aver camminato tra le rovine di Machu Picchu come gli antichi Inca o attraversato i propilei sull’Acropoli di Atene come fecero i grandi filosofi antichi mi ha emozionata in quel momento e lo fa ancora solo al pensiero.

Machu Picchu, Perù, 2011

Machu Picchu, Perù – 2011

Quando ho visto l’Eufrate e il Tigri mi stava scoppiando il cuore dalla gioia , a ripensare alla famosa culla della civiltà, dove siamo nati e grazie alle cui acque siamo ciò  che siamo. Anche se πάντα ῥεῖ, “tutto scorre”, e non ci si bagna mai due volte nello stesso fiume ciò non vuol dire che il significato simbolico non venga conservato. E nella mia mente e nel mio cuore questo è la Mesopotamia: culla e casa di un po’ tutto il genere umano.

Fiume Tigri, Turchia, 2013

Fiume Tigri, Turchia – 2013

La Grecia è poesia, Roma diritto, New York modernità, Londra Harry Potter e Venezia e Parigi sono amore. La Costa Azzurra è Renoir e Tahiti Gauguin, Cuba Hemingway e il Mississipi Twain. Non vedo l’ora della Cina, dell’India, della Russia, della Cambogia.

E in tutta questa mia fortuna una parte importante la giocano e l’hanno sempre giocata mamma e papà. Non solo i soldi, che per quanto pochi o tanti che siano servono sempre per viaggiare come per far qualsiasi altra cosa. Ma soprattutto per la libertà e le radici che hanno saputo darmi. Libertà di decidere, di andare e tornare. Radici che, anche se starei sempre in giro, mi convincono a tornare a casa da chi amo ogni volta.

Casa la sento veramente casa per questo, che si trovasse in Italia, Svizzera, Francia o Spagna avrebbe poca importanza. Casa per me non sono Como o Uggiate, ma solo l’interno delle mie case, i mobili, i libri, i ricordi, l’atmosfera che abbraccia e rilassa.
E devo ringraziare per la passione smodata che mi ha trasmesso il mio papà. Probabilmente se non avessi visto quanto a lui piaceva andare in giro, andare nel deserto, in Africa, non avrei cominciato a organizzare viaggi e a tenere diari di viaggio all’età di 9 anni (iniziati e mai finiti, ma questa volta è il pensiero che conta…).

South Africa, part 6 361

Cape of Good Hope, South Africa – 2010

Forse la mia passione è ancora più forte e consapevole, è avventura e organizzazione, studio e amore per le altre culture da scoprire. Ma tutto, comunque, è partito da loro!

Diari di viaggio · Sudafrica

Kruger National Park

Nell’attesa di partire fisicamente, viaggio con la mente e il cuore. L’idea di fare un safari in Sudafrica era abbastanza scontata quando ho deciso di partire. Ma quella di riuscire ad arrivare al Kruger Park nei soli due mesi pieni di lezioni di inglese in preparazione all’esame, visite della città, serate di ballo, karaoke e tequila, non l’avevo programmato. Per fortuna ci ha pensato la scuola per me!

5 giorni tra Kruger Park, Blyde River Canyon, passeggiate nella savana all’alba e safari al tramonto, marshmallow sotto le stelle e davanti al fuoco.
Il Kruger per me è stato un sogno divenuto reale. Da Cape Town bisogna raggiungere Johannesburg in aereo, quindi i cinque giorni diventano effettivamente quattro se si parte con il volo del mattino il primo giorno e si torna con quello della sera l’ultimo.

Il parco è immenso e si estende pure in Mozambico, anche se con un altro nome. Gli spazi sono infiniti, non solo per la percezione che si ha di ciò che ci circonda quando si è nel mezzo della savana. Su una mappa dell’intero continente si riesce ad identificare, se si sa dove andare a cercarlo. E i big five non sono l’unica cosa che si può vedere girando per una piccola parte di parco.

South Africa, part 3 998

Dopo il tramonto si cercano piccoli animaletti notturni. All’alba, se si va a piedi, si cercano  gli insetti soprattutto e si possono vedere termitai giganteschi. Durante il giorno abbiamo visto leoni che facevano la siesta, leonesse assonnate e rinoceronti che masticano.

Gli ippopotami si scorgono lontani nei fiumi insieme ai coccodrilli che sul bagnasciuga prendono il sole. Le impala le chiamava Mc Donald’s la mia guida: si trovano dappertutto, ce ne sono tante ed è necessaria poca energia per catturarle. Gli elefanti con i piccoli che ci hanno attraversato la strada mi hanno emozionata più volte e i baobab mi hanno lasciata senza parole. Le giraffe, le zebre, gli gnu, gli avvoltoi. Mi sentivo allo stesso tempo in un film e in un sogno, di certo comunque non con i piedi per terra!

South Africa, part 3 712

Gli zoo sono una cosa che odio e ne ho visitato solo uno storico a Vienna. Ma il fatto di essere immersi nella natura, di non sapere cosa riuscirai a vedere perché gli animali hanno posti dove stanno più spesso, ma ci vuole comunque fortuna per trovarli lì, il fatto che tutto sommato tu su una jeep sei più grosso, ma loro sono comunque più forti se decidono che li infastidisci è poetico. Una battaglia con un rinoceronte o un elefante che si sente minacciato è ad armi pari qui, anzi è ancora più facile che abbia lui la meglio. non si tratta di un gigante dentro una gabbia di pochi metri quadrati e un ometto che lo osserva al sicuro dall’altro lato del muro. In natura loro rischiano di certo più di noi, perché tra legge del più forte e bracconieri che spesso riescono ancora a penetrare nei parchi non hanno vita facile. Ma qui possono almeno provare a difendersi. E noi rischiamo insieme a loro.

Il safari è anche questo. Un rischio che vale la pena correre perché la natura è spettacolare. Flora e fauna della savana poi, così lontane e poetiche, ancor di più !
Dormire in capanne sugli alberi lo rifarei subito, immersi nella riserva. Anche se al momento le scimmie che al mattino ti svegliano correndo sul tetto e nella tua testa o gli insetti e le rane che ti aspettano sul comodino o il bufalo che ti fissa davanti alla porta d’ingresso e non ti lascia passare non sono il massimo…

Ma il cielo. Le stelle. I tramonti africani. I colori, i profumi, il freddo e il caldo. Wow è l’unica descrizione a cui riesco a pensare. E tutti dovremmo dire “wow” in questo modo, almeno una volta. La contemplazione della natura che non è ancora riuscita a finire veramente nelle mani dell’uomo è una delle esperienze più belle. Per quanto io ami le città, i siti archeologici, i musei, questo ha qualcosa in più. Che penetra più in profondità, fino a toccarti l’anima.

South Africa, part 3 1261

Cuba · Diari di viaggio

Waiting for Cuba

A meno di un mese dalla data esatta, l’idea di partire diventa sempre più concreta. La corsa al visto, lo zaino giusto, la lista delle cose da comprare e quella delle cose da fare prima della metà di marzo è abbastanza lunga. Vero che staremo via “solo” venti giorni, ma dopo tanto tempo a casa, se non per qualche weekend poco lontano, la sola idea del viaggio è ancor più eccitante. La guida da leggere, l’itinerario da stabilire. L’hotel per la prima notte da prenotare e la lista della casas particulares da portare con noi perché internet sarà difficile da reperire al momento opportuno.

Le temperature sono piuttosto alte, quindi il costume per un tuffo nel Mare dei Caraibi è necessario. Vestiti estivi, shorts, magliette a maniche corte. Una felpa pesante, che magari la sera è fresco, e soprattutto indispensabile per le 23 ore da passare in aereo dove dopo un po’ diventa sempre gelido. Una giacca leggera. Lo zaino per tutti i giorni, la borsa di tela. La macchina fotografica, gli obiettivi, il cavalletto, il PC, il Kindle, il cellulare, l’Ipod. Il cappello di paglia per evitare un’insolazione e un bel tubetto di crema solare visto il colore candido della mia pelle. Qualche pastiglia. Un libro, perché qualcosa che profumi di carta bisogna averlo. Un bel paio di Birkenstock che stanno bene con tutto, gli scarponcini da trekking e le mie scarpe da ginnastica che uso anche per correre. Direi che il grosso è fatto.

Devo trovare un paio di jeans, il famoso zaino e la felpa. Nel frattempo cerco film, libri, articoli su Cuba. Blog scritti da qualcuno che ci è stata poco tempo fa a visitarla, non solo per andare al mare. Belle esperienze, brutte esperienze. Fare attenzione a chi dare confidenza e ai locali che si frequentano, al rum e al mojito con cui si potrebbe esagerare.

Il dizionario di spagnolo, la guida, la mappa che devo ancora acquistare, il quaderno per il diario di viaggio. La mia lista si allunga sempre di più, ma al contrario della mia bucket list spunto ogni giorno qualcosa e la preparazione migliora.

Presto vedrò di fare una lista completa delle cose che servono, a mio parere, per un viaggio di questo tipo. E al ritorno, ovviamente, vi aggiornerò su tutto quello che mi accorgerò di aver dimenticato o di aver portato inutilmente…

2016-02-16 17.44.19

Italia · Lago di Como

Nesso

Un breve post per uno scorcio da favola.

Nesso è un piccolo comune che si incontra lungo la strada che collega Como a Bellagio. Passandovi distrattamente, non ci si immagina ciò che si può trovare quasi 400 gradini più in basso.

La gola naturale dove è inserito il borgo è chiamata Orrido e la bella cascata che si vede è formata dall’incontro di due corsi d’acqua. Il ponte che scavalca il torrente che si tuffa nel lago è bellissimo. Stretto, a schiena d’asino, vi si sale dopo aver camminato sotto un breve porticato.
Lungo i pochi metri di Nesso che si affacciano liberamente sul lago, c’è una piazzetta che degrada nell’acqua e da cui si possono scattare bellissime fotografie. Attraversato il ponte, risalendo le scale e camminando in uno stretto sentiero nel bosco, si torna nuovamente al lago costeggiando una bella casa ricoperta d’edera. La vista incorniciata dal ponte è da cartolina!

DSC_0998

A sovrastare Nesso ci sono le rovine di un castello del XIV secolo che non si possono visitare, ma lo scorcio sul lago è davvero il luogo perfetto. Poche sono le persone che lo raggiungono anche la domenica pomeriggio  e, nonostante sia in miniatura, è davvero un angolo prezioso e rilassante!

DSC_1012 (2)

Diari di viaggio · Sudafrica

Turisti a Cape Town, part 1: musei e storia

Cape Town è una città tutta da scoprire. Difficile descriverla, difficile scegliere cosa sia meglio visitare. Anzi, difficile raccogliere in un post tutto ciò che può offrire. Perciò, vedrò di trovare le parole giuste poco alla volta e scriverne più di uno.

Parlare di una città di cui si è innamorati, di un’esperienza che si reputa la più bella della propria vita è ancor più difficile. Perché Cape Town per me è un po’ come Venezia: niente aggettivi, già il suo nome è poesia. Cape Town è Cape Town. Non ci si può perdere liberamente come tra le calle e i campi o tra i vicoli delle medine marocchine. È più ampia.
Ma ci sono infinite cose da fare, vedere, assaggiare, visitare.
Storia, cultura e natura si fondono a formare questa metropoli.

South Africa, part 7 072

Town Hall, Grand Parade

Iniziamo con il parlare di storia. Di musei che la raccontano ce ne sono molti, da quelli che parlano della storia degli abitanti della Mother City sudafricana a quelli che si occupano della sua evoluzione geologica e naturale.
La National Gallery espone opere d’arte moderna e racconta i sentimenti degli artisti, la rabbia, l’amarezza e l’ingiustizia subita da una grande parte della popolazione nel corso dell’Apartheid. Ma anche la gioia di vivere. Sì, perché Cape Town è una città da Vivere, ancor più di altre. Passeggiando si passa da un mercato colorato all’altro, ai Company’s Gardens si viene accerchiati dagli scoiattoli e sulle Table Mountains ci si gode la vista dell’oceano insieme ai piccoli Iraci del Capo.
Il District Six Museum è più di un semplice museo: la storia dell’Apartheid viene raccontata con gli oggetti, i cartelli, le leggi che hanno afflitto i neri sudafricani per oltre 40 anni. Il Sesto Distretto di Cape Town è stato un quartiere cosmopolita e all’avanguardia fino alla metà degli anni Sessanta, quando si è disposto che ci potessero vivere solo i bianchi. La maggior parte della sua popolazione fu deportata nelle zone deserte circostanti e le loro abitazioni rase al suolo.

South Africa, part 7 048

District Six Museum

La città è sede del Parlamento Sudafricano. Il Municipio è un bellissimo palazzo in Grand Parade Square e il Castello di Buona Speranza, il primo edificio costruito dai coloni alla fondazione della città, si trova poco lontano. All’Iziko Slave Lodge Museum è poi illustrata la tratta degli schiavi a partire dal Sudafrica.

Dopo un tuffo nella buia storia sudafricana, più consapevoli di dove ci si trova, se si vuole riacquistare velocemente un po’ di buonumore, basta andare a Bo-Kaap. Il quartiere malese di Cape Town è un tripudio di colori, profumi e suoni. Qui si sentono i Muezzin richiamare i fedeli alla preghiera cinque volte al giorno e i bimbi che giocano per le vie nelle giornate serene.

DSCN3279

Bo-Kaap

Nonostante possa non sembrare Africa ad un primo sguardo, Cape Town è una città complicata, ricca di contrasti. Come tutto questo affascinante continente. A poca distanza si trovano quartieri di lusso e townships. Religioni apparentemente diverse si mischiano nel raggio di pochi isolati: da Bo-Kaap alla Cattedrale Anglicana più importante del Paese si cammina per una decina di minuti.
I bianchi vanno in giro in auto in parte spaventati dal camminare per le strade, i neri passeggiano più liberamente, quasi i ruoli si siano invertiti. Le leggi oggi tutelano la maggior parte della popolazione, sia bianca che nera, anche se il fantasma dell’Apartheid continua ad aleggiare nell’aria.
Sono probabilmente i cosiddetti coloured a non aver ancora trovato il proprio posto fuori da Bo-Kaap. Come fossero nel limbo, come non avessero una definizione precisa per il colore della loro pelle che si trova nel mezzo, non venivano “classificati” precisamente durante l’Apartheid e non lo sono ancora oggi. O almeno questa è la sensazione di alcuni.

Ma Cape Town, in ogni caso, con chiunque si parli, è una città VIVA, in continuo cambiamento. E non ci sono solo i musei da visitare. Bisogna fare shopping, passare le notti a divertirsi, andare in spiaggia e camminare sui monti circostanti. Anche se la si visita per poco tempo, bisogna Vivere tutte le sue sfaccettature.
E non sarà facile non innamorarsene!

 

Mente vagabonda

My bucket list

La mia lista delle cose che vorrei fare prima di morire generalmente si allunga, piuttosto che accorciarsi. O, spesso, rimane costante: ne spunto una e subito me ne viene in mente un’altra da aggiungere.

Direi che questo post è destinato a subire molte modifiche nel tempo…

  1. Viaggiare e scrivere.
  2. Andare in Tibet.
  3. Laurearmi.
  4. Lanciarmi con il paracadute.
  5. Fare qualche lezione di surf.
  6. Fare snorkelling nella Grande Barriera Corallina australiana.
  7. Imparare bene il francese.
  8. Partire con Medici Senza Frontiere, Emergency o altre organizzazioni di questo tipo.
  9. Conoscere tante persone in giro per il mondo.
  10. Avere un letto rotondo.
  11. Essere meno timida.
  12. Guidare un vecchio maggiolino Volkswagen.
  13. Fare una giornata di shopping folle a New York.
  14. Frequentare, almeno per un periodo, una prestigiosa università americana.
  15. Andare a vivere all’estero.
  16. Abitare in una grande metropoli.
  17. Studiare una lingua straniera come il cinese o l’arabo.
  18. Imparare a cucinare.
  19. Assaggiare gli insetti.
  20. Tuffarmi da una scogliera.
  21. Andare a camminare in Patagonia.
  22. Imparare a fare la maglia.
  23. Vedere l’Angkor Wat in Cambogia, Petra in Giordania, le piramidi in Egitto e le piramidi Maya in Messico.
  24. Fare un viaggio da sola in India.
  25. Camminare sulla Grande Muraglia cinese.
  26. Viaggiare lungo tutta la Transiberiana.
  27. Mangiare sushi a Tokyo.
  28. Imparare a ballare la salsa a Cuba.
  29. Fare un viaggio on the road da una costa all’altra degli Stati Uniti.
  30. Scrivere un libro.
  31. Partecipare ad un matrimonio indiano.
  32. Vedere l’aurora boreale.
  33. Visitare i luoghi di Harry Potter in Inghilterra.
  34. Fare un viaggio via terra seguendo l’antica Via della Seta.
  35. Ritornare in Sudafrica e fare trekking sul Drakensberg.
  36. Rivedere la mia famiglia sudafricana e Janeth il più presto possibile.
  37. Fare yoga in un ashram indiano.
  38. Fare trekking sull’Himalaya.
  39. Risalire il Rio delle Amazzoni in barca.
  40. Vedere i gorilla in Uganda.
  41. Visitare gli archivi della National Geographic Society a Washington.
  42. Visitare i Parchi Nazionali americani.
  43. Fare volontariato all’estero.
  44. Visitare il Museo della Croce Rossa di Ginevra.

12308728_1146050178756255_5401005491306974910_n

E la vostra di lista? È molto più variata della mia, quasi tutta legata ai viaggi?

Italia · Venezia

Calle, campi, canali e gondole

Venezia è splendida proprio perché è Venezia.

Perdersi tra calle e campi è il sogno di molti viaggiatori. Un giro in gondola è d’obbligo se è la prima volta che si visita la città. Scivolare lenti tra i canali e sotto gli innumerevoli ponti che collegano vie e piazze è emozionante.I musei non sono belli come quelli delle altre città italiane, ma la Basilica di San Marco e il Palazzo del Doge meritano di essere visitati, non fosse altro perché si tratta dei luoghi più conosciuti della città. Per il resto, è Venezia in sé il vero museo che bisogna vedere.

DSC_0708

Non guardate la mappa e, come in una medina mediorientale, perdetevi!
Lasciatevi guidare dai nomi delle strade, che richiamano arti e tradizioni. Seguite le calle che vi attraggono e non tornate indietro, ad ogni svolta c’è una sorpresa! Maschere, magliette a righe, gondole.

L’isola più bella della laguna è Burano. Le case colorate che si specchiano nell’acqua dei canali, il fatto che sia piccolina e graziosa, con i suoi merletti, mi rendono sempre felice! E per questo ci ritorno ogni volta che capito a Venezia.

Un posto un po’ particolare per staccarsi dai classici itinerari turistici tra San Marco, l’Accademia e Murano, è la libreria Acqua Alta.
I volumi accatastati nelle vasche da bagno e nelle gondole, non permettono di trovare nulla se si cerca un libro. Ma l’atmosfera è elettrizzante! E di certo non troverete un posto di questo genere in nessun’altra città del mondo. Dove si potrebbe letteralmente scalare una montagna di vecchi libri per fotografare il canale? O sedersi all’interno di una libreria e trovarsi con i piedi nell’acqua?

DSC_0105

E se capitate qui nel periodo di Carnevale, controllate gli eventi in programma e non dimenticate di scattare qualche foto alle maschere storiche che passeggiano per Piazza San Marco. Nel segno di Creatum, il tema di quest’anno, il carnevale era dedicato ad arti e mestieri tradizionali.

DSC_0088 (2)

Folle di turisti entusiasti sono richiamati da questo famoso evento. Nonostante il caos, lasciatevi coinvolgere! E, almeno una volta, andate a Venezia in questo momento speciale!

 

Eventi

I grandi fotografi e l’Italia

Vedere l’Italia dagli anni Trenta ad oggi attraverso gli occhi di grandi fotografi stranieri è interessante. Passo dopo passo, camminando tra gli ambienti espositivi creati nella grande sala di Palazzo della Ragione, si vede un’Italia che muta e allo stesso tempo rimane uguale a se stessa.

A partire da Henri Cartier-Bresson, Robert Capa e gli altri fondatori dell’Agenzia Magnum, si passeggia per i vicoli di Napoli, le calle di Venezia e i resti romani della capitale. Si passa dal bianco e nero al colore in modo fluido e lo stile tipico dei singoli fotografi è esaltato dai soli tre o quattro scatti esposti.

La sovrapposizione di un numero spropositato di immagini del giapponese Hiroyuki Musuyama avvicina le sue immagini di Venezia ai dipinti di Turner. Gli interni dei palazzi del potere di Roma ritratti da Jordi Bernardó mettono in soggezione l’osservatore. La luce della Toscana è unica e magica per Joel Meyerowitz e i suoi scatti sembrano veri dipinti.

Ma non sono solo i paesaggi a fare da protagonisti. I campi di calcio, i turisti sulla Costiera Amalfitana, le ragazze che giocano sulla spiaggia di Rimini negli anni Ottanta e un uomo che si droga a Napoli dipingono un’Italia ancor più umana.

La lista dei grandi nomi esposti è lunga, quasi quanto il tempo necessario a gustarla come merita. E, anche se è l’ultimo weekend disponibile e ci sarà un po’ di coda all’ingresso, vale davvero la pena visitarla!

Palazzo-Ragione-744x445

http://palazzodellaragionefotografia.it/exhibition/grand-tour-italia-viaggio-nel-nostro-paese-attraverso-80-anni-di-grandi-fotografie/

http://www.magnumphotos.com/

Diari di viaggio · Sudafrica

Adventure time, 5 years after

Il mio primo grande viaggio è stato il Sudafrica. Due mesi. Da sola. A studiare inglese. Non ho visto il Paese come una turista qualsiasi, Cape Town è diventata la mia casa e la porto stretta nel cuore anche cinque anni dopo.

Ogni volta che penso di organizzare un nuovo viaggio, è la prima destinazione della lista. Parlo con la famiglia che mi ha ospitata, sento i vicini di casa e mantengo i contatti con i miei amici oltreoceano conosciuti a Città del Capo. Quando bisogna organizzare le vacanze estive, lo faccio con le mie amiche spagnole. Quando è stato il momento di partire per l’Ecuador avevo già un posto dove stare perché la mia hermanita sudafricana veniva da Guayaquil. Cape Town ha cambiato il mio modo di pensare e di vivere.

Avevo sedici anni quando ho deciso di partire e diciassette quando sono salita in aereo. Magari per qualcuno è un’esperienza come un’altra, ma io devo dire che finora è stata la più bella della mia vita. Bo-Kaap, dove le guide raccomandano di fare attenzione se si decide di visitarla, io l’ho sempre attraversata tranquillamente a piedi. Andavo a scuola da sola, la sera bisognava fare attenzione e tornare a casa in taxi, ma tutto sommato i miei due mesi sono stati più che sereni e tranquilli.

Oltre a studiare inglese, ho seguito lezioni di storia e cultura sudafricana. Ho imparato che Lekker! è una delle esclamazioni più belle e positive che si possano usare in Afrikaans e ho visitato una piccola parte di quella nazione immensa che è il Sudafrica. Sono stata al Kruger Park, ho saltato nel vuoto legata per le caviglie ad un elastico dal Bunjee Jumping più alto del mondo. Ho accarezzato ghepardi e visto balene, passeggiato con gli elefanti proboscide nella mano e cavalcato tra le vigne. Mi sono emozionata durate la finale dei mondiali di calcio, nonostante a me non interessi questo sport. Ho visto l’oceano indiano che si scontra con l’Atlantico all’estremità meridionale del continente africano. Ho fatto volontariato in un orfanotrofio e festeggiato il Mandela Day regalando frutta a persone che vivono per strada. Ma soprattutto ho vissuto con una bellissima famiglia musulmana in una città che mi ha conquistata.

Dunque, anche se è passato qualche anno vorrei condividere quelli che sono a mio parere i must have di Città del Capo. Cosa visitare, dove mangiare, come divertirsi.

Magari, mentre io aspetto di tornarci, qualcuno di voi riesce a controllare che sia tutto come io lo ricordo o ancor meglio!

Cape Town

Company’s Gardens, Cape Town

Italia

Brera e l’Orto

Quando si nomina Brera, io penso all’arte. Fino agli anni Cinquanta e Sessanta questo era il quartiere degli artisti, poco raccomandabile e che accoglieva le migliori menti creative dell’epoca.

Oggi gli artisti se ne sono andati e rimangono antiquari, negozi di alta moda ed etnici, pub e ristoranti ancora anticonformisti. Ma il suo fascino Brera non accenna a perderlo!

A proposito di arte, è a Palazzo Brera che hanno sede la famosa Accademia delle Belle Arti e la Pinacoteca. Questa, uno dei più importanti musei italiani, espone opere d’arte medievale e rinascimentale. Voluta da Napoleone Bonaparte, contiene capolavori come Il Cristo Morto di Mantegna, la Pala Montefeltro di Piero della Francesca e Lo Sposalizio della Vergine di Raffaello.

Anche se non siete amanti dei dipinti di questo periodo storico, almeno una volta nella vita la Pinacoteca va visitata. Personalmente, sono la collezione Jesi e la Fiumana di Pellizza da Volpedo che amo vedere. La collezione espone dipinti del XX secolo, tra cui opere di Modigliani e Boccioni, che si avvicinano di più ai miei interessi.

Palazzo Brera, sorto su un convento trecentesco, verso la fine del Settecento fu trasformato da Maria Teresa d’Austria in uno degli istituti culturali più progressisti dell’epoca. Unì l’Osservatorio Astronomico e la Biblioteca all’Orto Botanico e, alcuni anni dopo, all’Accademia di Belle Arti.

L’Orto si trova sul retro del Palazzo. All’inizio avrebbe dovuto essere al servizio di studenti di medicina e farmacia con le sue piante officinali, poi si è trasformato in un angolo nascosto della città dove è possibile trovare un’importante collezione botanica con specie rare e da conservare. Oggi, nei suoi 5000 metri di superficie, per metà è occupato dalle lunghe e strette aiuole Settecentesche e per il resto è un prato circondato da grandi alberi.
Suggestivo nonostante la nebbia e il freddo, trasmette pace e tranquillità pur essendo al centro della città. E con la primavera deve essere ancora più bello!

DSC_0024

www.brera.beniculturali.it